QR code per la pagina originale

Il futuro del Wi-Fi, con il Wi-Fi 6

Qualcomm ha fatto il punto della situazione sull'evoluzione e sui vantaggi del Wi-Fi 6.

,

Nonostante sia stato introdotto ad inizio 2019 ed abbia semplificato la nomenclatura per favorire un più immediato riconoscimento, il Wi-Fi 6, l’ultima evoluzione dello standard Wi-Fi (conosciuta precedentemente come Wi-Fi 802.11 ax) non ha ancora guadagnato terreno nei confronti dei precedenti standard.

In un press day a San Francisco, Qualcomm ha preso le redini della situazione per dimostrare la crescita di attori e di prodotti per consumatori relativi al nuovo standard Wi-Fi. In particolare, descrivendo come il Wi-Fi 6 sia già in molti prodotti di elettronica di consumo, ma come ancora i consumatori non ne stiano beneficiando direttamente.

Wi-Fi

La situazione cambierà gradualmente dal prossimo autunno, e molto probabilmente scalerà esponenzialmente a partire dal 2020. Già oggi il Wi-Fi 6 è integrato nel sotto-sistema di rete FastConnect 6200 all’interno dello Snapdragon 855 e 855+, che è presente sui più recenti top di gamma 5G e non come OnePlus 7 Pro 5G, Oppo Reno 5G e altri. In altri smartphone, invece, tale funzionalità è disabilitata dal produttore, come sull’LG G8s ThinQ.

Wi-Fi

In generale, il Wi-Fi 6 è la tecnologia di connettività di massa che avrà un grande impatto insieme al 5G e che sarà sfruttata in combinazione con quest’ultima. Infatti, la domanda di banda e di connessione multi-utente è aumentata moltissimo negli ultimi anni. Secondo una ricerca Cisco VNI del febbraio 2019, ci sarà un incremento di 7 volte del traffico dati da mobile, ed entro il 2022 oltre l’80% di quel traffico sarà riferito allo streaming video (oggi è del 50%) e il 70% del totale del traffico internet sarà effettuato tramite connessioni wireless.

In questo contesto, la piattaforma Snapdragon 855 e 855+ è solo il primo step di una lunga serie di interventi tecnologici che Qualcomm deve affrontare per guidare la rivoluzione tecnologica attuata da Wi-Fi 6 e 5G. Il nuovo sotto-sistema di rete FastConnect 6800 è il secondo step: integrazione con Bluetooth 5.1, Dual band simultaneo, banda fino a 1.8 Gbps , oltre alle caratteristiche del 6200: supporto per chiavi di sicurezza WPA3, Target Wake Time e MU-MIMO 8×8.

Ma lo sforzo per il settore consumer ha poco senso, se non è coadiuvato da uno sforzo per accelerare l’integrazione dell’ecosistema enterprise: è in arrivo quindi la piattaforma Qualcomm Networking Pro Series con il supporto al Wi-Fi 6.

Wi-Fi

Già con il supporto di Aruba, Ruckus, Belkin, KT Corp e Netgear, le soluzioni enterprise sembrano sulla giusta via per adottare la nuova tecnologia che promette maggiore stabilità durante connessioni multiple, migliore sicurezza e maggiore banda per dispositivo.

Il Wi-Fi 6 sembra una tecnologia necessaria, se si guarda ai numeri degli ultimi anni e alle previsioni: 24 dispositivi connessi in ogni casa entro il 2020, 4 miliardi di dispositivi work-oriented connessi entro il 2022 e un tasso di crescita dei dispositivi in casa del 100% ogni 2 anni dal 2012.