QR code per la pagina originale

Pirateria TV, chiusa la IPTV illegale Xtream Codes

Blitz della Guardia di Finanza ai danni di una delle più importanti e radicate reti clandestine internazionali autrici della diffusione di IPTV illegali.

,

Blitz della Guardia di Finanza ai danni di una delle più importanti e radicate reti clandestine internazionali autrici della diffusione delle cosiddette IPTV del “pezzotto”, il modo in cui viene chiamato in gergo questa soluzione che permette di guardare i contenuti delle pay tv illegalmente a cifre ridotte rispetto all’abbonamento legale.

Oltre 100 militari del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche hanno sequestrato e oscurato la piattaforma informatica Xtream Codes, alla quale erano collegati oltre 700 mila utenti, i quali non hanno più potuto accedere al servizio pirata. I responsabili di questo business – 25 di numero – sono stati individuati.

Sono stati inoltre emessi otto ordini europei di indagine nei confronti di un’associazione a delinquere a carattere transnazionale emessi dalla Procura di Napoli ed eseguiti simultaneamente in Olanda, Francia, Grecia, Germania e Bulgaria. Anche in Italia diverse le perquisizioni in corso con l’obiettivo di smantellare le centrali del network ed aggredirne i rilevanti proventi illeciti.

La pirateria televisiva online è una grandissima piaga che sta affliggendo da diversi anni il mondo delle pay tv e di recente anche il business delle piattaforme di video streaming. Un altro bel colpo assestato alla IPTV illegale che distribuiva illecitamente contenuti SKY e Netflix a cira 11 mila clienti sparsi in tutta Italia risale allo scorso luglio, quanto la la Polizia Postale di Palermo ha bloccato le attività di Zsat. A seguito di una lunga attività d’indagine, gli agenti hanno rinvenuto ben 57 decoder della pay TV collegati in rete, per trasmettere i programmi approfittando di connessioni a banda larga. Arrestato un trentacinquenne, trovato con 189.000 euro in contanti.

Solo nel nostro paese, il giro d’affari illegale delle IPTV pirata ammonta a circa 200 milioni di euro.