QR code per la pagina originale

SPID: l’Identità Digitale gratis per sempre

Lo SPID rimarrà gratuito per sempre e dal 2020 potrebbe venire gestito direttamente dallo Stato.

,

Lo SPID, cioè l’Identità Digitale, sarà gratuito per sempre. L’AgID, infatti, punta a voler facilitare l’utilizzo del Sistema Pubblico di Identità Digitale, e ha sollecitato i 9 gestori di Identità Digitale conosciuti anche come “Identity Provider” ad estendere la gratuità del servizio ai cittadini. Infatti, il 31 dicembre 2019 sarebbe scaduto un accordo tra AgID e gli Identity Provider per la gratuità dell’attivazione del servizio di Identità Digitale.

Una notizia sicuramente positiva che potrebbe invogliare le persone ad adottare questo sistema che semplifica l’accesso a determinati servizi online, soprattutto quelli legati alla Pubblica Amministrazione. Inoltre, le stesse Pubbliche Amministrazioni potrebbero superare le incertezze dell’adozione di questo sistema di accesso ai propri servizi online.

Si ricorda che gli Identity Provider, nel rispetto delle regole, forniscono lo SPID e gestiscono l’autenticazione degli utenti. In particolare, continueranno a rendere disponibili gratuitamente le credenziali SPID per:

  • il Livello 1 che consente l’accesso ai servizi online attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente;
  • il Livello 2, dedicato ai servizi che richiedono un grado di sicurezza maggiore, che permette l’accesso attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente; la generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password) o l’uso di un’APP, fruibile attraverso un dispositivo (per esempio gli smartphone).

Ma ci sono anche ulteriori novità. Tra gli emendamenti alla Legge di Bilancio 2020 ne dovrebbe arrivare uno Governativo. In buona sostanza, lo SPID sarà gestito dallo Stato e non più dai privati come avviene oggi. Un modello che sino ad ora ha avuto scarso successo.

Dunque, dal 2020 lo SPID dovrebbe passare in mano allo Stato ed essere gestito tramite la società pubblica PagoPA. Le aziende private potrebbero conservare il ruolo della consegna dello SPID ma la gestione diventerebbe pubblica. L’obiettivo di questa decisione è quello di risolvere i problemi del suo utilizzo e di spingere la sua diffusione adeguatamente.

Video:SPID: lo spot TV per l’identità digitale