QR code per la pagina originale

Facebook: trasferire foto e video su Google Foto

Finalmente disponibile per tutti gli utenti di Facebook lo strumento che consente di trasferire foto e video su Google Foto: come funziona

,

Dopo un lungo periodo di test, lo strumento che consente di trasferire immagini e video da Facebook a Google Foto è finalmente disponibile per tutti gli utenti. Gli sviluppatori di Mark Zuckerberg lo avevano reso disponibile in beta ad un numero ristretto di iscritti al social network a partire dalla fine del 2019, ma ora è finalmente utilizzabile da chiunque abbia un accesso a Facebook. Per attivare la nuova funzionalità non occorre fare sostanzialmente niente, poiché la si trova direttamente nelle Impostazioni del proprio profilo sul social network.

Trasferire foto e video da Facebook a Google Foto

Per prima cosa bisogna andare Impostazioni tramite il menu a tendina presente all’estrema destra della barra blu superiore. A questo punto, occorre aprire la sezione Le tue informazioni su Facebook e selezionare Trasferisci una copia delle tue foto e dei tuoi video. A questo punto, non si deve fare altro che decidere se si vogliono esportare solo le foto o solo i video. Fatto ciò è necessario effettuare l’autenticazioni con le proprie credenziali di Google Foto e avviare il trasferimento. La velocità della copia, ovviamente, dipende dal numero di file da trasferire, dalle loro dimensioni e dalla connessione a disposizione.

È importante sottolineare, comunque, che il trasferimento non sincronizza i contenuti multimediali di Facebook e Google Foto. Le immagini e i filmati caricati sul social network dopo la copia non saranno automaticamente disponibili anche su Google Foto. Inoltre, non è possibile trasferire singoli contenuti, bensì tutte le foto o tutti i video.

Il tool, in test da dicembre 2019, è stato rilasciato prima per un gruppo ristretto di utenti, ma ora è disponibile per tutti e rientra nell’accordo open-source Data Transfer Project. L’iniziativa è partita nel 2018 e vede protagonisti Google, Facebook, Twitter e Microsoft per venire incontro alle normative europee in termini di privacy digitale. A tal proposito, altri servizi simili arriveranno a breve.