QR code per la pagina originale

Boom di acquisti da mobile. PayPlug: “Fino al 51% in cinque anni”

Un consumatore su due utilizza lo smartphone per lo shopping online, in particolare nel weekend e per spese medie di 75 euro. Parola di PayPlug.

,

Durante il periodo di lockdown a cui siamo stati sottoposti anche in Italia moltissimi commercianti e piccoli imprenditori si sono visti costretti ad affidarsi all’e-commerce pur di poter continuare ad operare. E anche ora che il periodo più brutto dell’emergenza sanitaria sembra alle spalle, sono sempre di più le piccole attività che decidono di sbarcare online.

Gli ostacoli da superare sono diversi, ma per fortuna ci sono tantissime realtà, anche italiane, che vengono in soccorso degli imprenditori che decidono di fare il salto verso l’e-commerce. PayPlug, ad esempio, fornisce tutto il supporto necessario per la gestione dei pagamenti online, anche tramite device mobili.

La fotografia scattata da PayPlug è chiarissima: un consumatore su due utilizza lo smartphone per lo shopping online, in particolare nel weekend e per spese medie di 75 euro. Per acquisti superiori ai 75€ si preferisce l’uso del PC. E la soluzione di pagamento online per l’e-commerce concepita da PayPlug tiene conto anche di questo nei servizi offerti, inclusa anche la comoda possibilità per i commercianti meno esperti di gestire gli ordini effettuati via telefono, inviando al cliente una mail o un sms con un link per reindirizzarlo ad una pagina di pagamento PayPlug, 100% sicura, per finalizzare la transazione.

Payplug infografica

Dal 2016 al 2020, spiegano da PayPlug grazie ad uno studio condotto tra di Italia, Francia, Spagna, Belgio e Germania, gli acquisti tramite dispositivi mobili sono passati dal 30% al 51% degli acquisti online, con una particolare predilezione per i giorni del fine settimana:

Il valore complessivo medio del carrello è cresciuto anno dopo anno, dal 2016 al 2020, in particolare del 10% da mobile (un acquisto da smartphone o tablet è passato dai 60€ del 2016 ai 70€ del 2020) e del 30% da desktop (si è passati da una media di 69€ a una di 100€). Durante il lockdown si è invece registrata una flessione sul carrello medio, sia da mobile che da desktop.