QR code per la pagina originale

Nuovo Google Chrome: come raggruppare le tab

Con la nuova versione di Google Chrome, la 85.0.4183.102, viene offerta la possibilità di raggruppare le schede aperte: ecco come si fa

,

Google sta rilasciando proprio in questi giorni la nuova versione del browser Chrome, la 85.0.4183.102. Anche in Italia è possibile effettuare il download della più recente versione del software di navigazione, che tra le altre novità presenta funzionalità in grado di rendere la vita più semplice agli utenti, oltre che risolvere alcune vulnerabilità delle release precedenti.

La funzione che farà più contenti gli utenti affezionati del browser di Google è la possibilità di raggruppare le tab, ovvero le schede di navigazione. È da aprile che circolano indiscrezioni in questo senso, ma poi le prime avvisaglie concrete si sono avute con la beta di agosto. I test sono andati a buon fine ed è per questo che ora la funzionalità è disponibile anche nella versione stabile di Chrome.

Chrome: come raggruppare le tab

Per raggruppare le tab con il nuovo Google Chrome, dopo aver aggiornato il browser all’ultima versione disponibile, occorre fare click con il tasto destro del mouse su una scheda aperta e scegliere l’opzione Aggiungi tab a un nuovo gruppo. A quel punto, alla sinistra della scheda apparirà un pallino grigio (il colore è comunque personalizzabile) e per creare un gruppo basterà trascinare verso di esso le altre tab che ci interessano. Per fare il procedimento inverso, invece, ovvero quello di escludere una scheda dal gruppo, basta fare click col tasto destro sulla tab e selezionare Escludi dal gruppo.

Personalizzare i gruppi di schede

Per personalizzare il gruppo di tab con nome e colore, in modo da riattivarlo più rapidamente, basta cliccare con il tasto destro sul pallino grigio e avremo a disposizione un menu dal quale potremo appunto assegnare un nome e cambiare la colorazione dell’indicatore visivo.

Con il rilascio della nuova versione di Chrome, Google afferma anche che ci sia stato un notevole miglioramento della velocità nel passaggio da una scheda all’altra (circa il 10%), anche se il valore è difficilmente misurabile. Nella prossima versione dovrebbe arrivare infine un’altra funzionalità in fase di test, ovvero la possibilità di espandere o comprimere un gruppo di tab con un click.