Diritti TV calcio Serie A: DAZN supera Sky

DAZN ha offerto di più di Sky per assicurarsi i diritti televisivi della Serie A: 90 milioni di scarto tra le due proposte, cosa succede

Parliamo di

Il predominio di Sky sui diritti della Serie A sembra volgere al tramonto dopo 17 anni. Attualmente, il colosso satellitare di Rupert Murdoch detiene i diritti esclusivi per la trasmissione di 7 partite su 10 per ogni weekend del massimo campionato di calcio italiano, mentre le restanti 3 vanno su DAZN in streaming, ma presto il rapporto potrebbe invertirsi. Anzi, la piattaforma online potrebbe prendersi tutte le partite. Nelle trattative private con la Lega Calcio di Serie A, DAZN ha infatti proposto 840 milioni di euro per assicurarsi il pacchetto attualmente detenuto da Sky, che invece vorrebbe confermarsi con 750 milioni. Uno scarto di circa 90 milioni che i club di Serie A non sembrano volersi lasciar scappare, in un periodo di crisi senza precedenti per il prodotto calcio, con stadi vuoti e sponsor che fuggono.

Diritti TV Serie A: Amazon per ora è fuori

A gennaio si era sparsa voce che anche Amazon fosse in corsa, ma il colosso di Jeff Bezos, dopo aver ottenuto i diritti di una partita di Champions a settimana per il prossimo triennio, ha deciso di farsi da parte. Del resto, Amazon non si sarebbe potuta interessare che ad un pacchetto di partite limitato, ipotesi bocciata dalla Serie A, che ha già i diritti suddivisi in due tranche e non intende sezionarli ulteriormente. Il big dell’ecommerce potrebbe tornare in campo però dopo l’assegnazione dei diritti, poiché nulla vieta a DAZN o Sky di rivendere gli stessi a soggetti terzi.

Calcio: cosa trasmetteranno DAZN e Sky

Tornando alla contesa principale, DAZN si è portato in vantaggio su Sky sin da subito, presentando un’offerta superiore, ma con il passare dei giorni non c’è stato alcun controsorpasso. Ora si attende dunque solo la decisione della Lega Calcio, che ha preso tempo fino all’11 febbraio per la decisione ultima. DAZN offre in totale 840 milioni, ovvero 740 per il pacchetto 1, ovvero quello che prevede la trasmissione di 7 partite su 10 su qualunque piattaforma, mentre 100 milioni sarebbero destinati al pacchetto 3, quello relativo alle restanti 3 partite, da trasmettere solo in streaming. A Sky, invece, non resterebbe che la trasmissione di 3 partite su ogni piattaforma al costo di 70 milioni di euro (pacchetto 2).

Non resta che attendere l’11 febbraio ora, ma tra le ipotesi al vaglio c’è anche quella di non assegnare il pacchetto 2 per quella data. Lo stesso potrebbe essere messo nuovamente all’asta con la possibilità di trasmettere una partita in chiaro per ciascun turno: in quel caso, Sky potrebbe consentirne la visione gratuita tramite Cielo o TV8.

I Video di Webnews

Samsung: il display OLED flessibile e resistente

Ti potrebbe interessare