Facebook potenzia Shops e lo porta anche sulle altre sue app

Facebook spinge sull’eCommerce portando la sua app Shops anche su Whatsapp e Marketplace, e introducendo nuove funzioni intelligenti.

Oggi, nel corso di una Live Audio Room, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha annunciato tre aggiornamenti di e-Commerce in arrivo sui prodotti della sua azienda: Shops su WhatsApp e Marketplace, Shops Ads e Instagram Visual Search. “Più di 1 miliardo di persone utilizzano Marketplace ogni mese, quindi stiamo rendendo più facile per le aziende portare i loro negozi in Marketplace per raggiungere ancora più persone”, ha scritto Zuckerberg in un post su Facebook. “Quando i clienti visualizzano un negozio su WhatsApp, avranno la possibilità di chattare con un’azienda prima di acquistare qualcosa”.

Shops, anche le inserzioni personalizzate


Shops permette a chiunque di creare facilmente un negozio digitale personalizzato all’interno del gruppo di app dell’azienda di Mark Zuckerberg: fino a oggi era garantita una presenza unificata su Facebook, Instagram e Marketplace, ma ora si aggiunge anche WhatsApp. Visto che le funzionalità di personalizzazione dello shop sono unificate, chi dispone di un negozio virtuale accessibile sia dal profilo Instagram che dalla Pagina Facebook, vedrà le proprie raccolte visibili sia sull’una che sull’altra.

Configurare e usare gli shop è estremamente semplice, si caricano più velocemente rispetto a un sito web per dispositivi mobili e hanno portata mondiale. E per rendere il tutto ancora più funzionale, il colosso dei social network punta alla creazione di un sistema di inserzioni in grado di fornire agli utenti un’esperienza personalizzata degli annunci basata sulle preferenze personali di acquisto dei clienti. La funzione Shops Ads, infatti, mira a fornire annunci dinamici e un’esperienza di acquisto unica basata, appunto, sulle abitudini di acquisto individuali delle persone. Il servizio per il momento sarà attivo solo negli Stati Uniti.

Instagram Visual Search verrà implementata invece nei prossimi mesi sul noto social incnetrato sulle foto. Si tratta di una nuova funzione di ricerca visiva basata sull’intelligenza artificiale, grazie alla quale le persone saranno in grado di caricare le proprie foto, anche quelle che non hanno pubblicato su Instagram, per trovare elementi simili. Spiega Zuckerberg:“Molte scoperte nello shopping iniziano con la ‘scoperta visiva’. Vedi qualcosa che pensi sia fantastico e poi, magari, decidi di saperne di più e vedere altri prodotti simili, oppure capire come fare per ottenere quell’oggetto. E qui entra in ballo la nostra intelligenza artificiale”. Quest’ultima, infatti, attraverso una serie di algoritmi, è in grado di trovare tutte le immagini contenenti lo stesso prodotto, facilitandone quindi l’eventuale acquisto.

Ti potrebbe interessare