OPPO risolve il problema della fotocamera frontale sotto lo schermo?

OPPO ha risolto il problema della fotocamera frontale degli smartphone sotto lo schermo senza quel gradevole buco? Ecco come.

Il periodo d’oro di OPPO sta continuando record dopo record e oggi il colosso cinese ha annunciato di aver risolto il problema che da troppo tempi i produttori di smartphone stanno cercando di capire come affrontare nel migliore dei modi: inserire la fotocamera frontale sotto lo schermo dei dispositivi e dire addio a quel buco nello schermo che, seppur utile e necessario, risulta tutt’altro che gradevole alla vista.

OPPO sembra aver trovato la soluzione. Al di là dell’annuncio in pompa magna dell’azienda, ci sentiamo di lasciare un punto interrogativo in attesa di toccare con mano il risultato finale che, secondo OPPO, non compromette in alcun modo la qualità dello schermo né dell’immagine della fotocamera. Combinando l’innovazione dell’hardware e gli algoritmi AI proprietari, OPPO spiega che la nuova soluzione posiziona discretamente la fotocamera frontale sotto il display dello smartphone e mantiene tutta l’integrità e la compattezza dello schermo, sia durante l’utilizzo sia durante lo standby.

OPPO USC

Questa soluzione, affermano da OPPO, risolve molte delle sfide tecniche e produttive che hanno caratterizzato questo tipo di tecnologia fin dall’inizio del suo sviluppo. I progressi includono una visualizzazione ottimizzata dello schermo dove è collocata la fotocamera, un miglioramento della qualità dell’immagine che prima era compromessa dall’ostruzione del display e una maggiore affidabilità e durata del prodotto.

La soluzione di nuova generazione della fotocamera sotto lo schermo introduce innovazioni sia nel design del display che negli algoritmi AI:

  • Innovativa geometria dei pixel: la nuova soluzione riduce la dimensione di ogni pixel senza diminuirne il numero, grantendo così un display di alta qualità a 400 PPI anche nell’area della fotocamera.
  • Cablaggio trasparente e nuovo design: OPPO sostituisce il tradizionale cablaggio dello schermo con un innovativo materiale trasparente. Combinato ad un processo di produzione ad alta precisione che riduce l’ampiezza del cablaggio del 50%, il display offre un’esperienza visiva più fluida e di alta qualità.
  • Migliore controllo della precisione dello schermo, del colore e della luminosità: in contrasto con l’attuale standard del settore che utilizza 1 circuito per guidare 2 pixel (“1-a-2”) nell’area dello schermo sopra la fotocamera, OPPO introduce una nuova soluzione “1-a-1” dove ogni circuito guida solo 1 pixel. Questo, combinato ad una precisa tecnologia di compensazione algoritmica, permette di controllare con accuratezza la cromaticità e la luminosità dell’intero schermo con una deviazione di circa il 2%. Anche durante utilizzi come la lettura di e-book, la consultazione delle notizie o la navigazione con le mappe, questa tecnologia pionieristica permette una visualizzazione accurata anche dei caratteri più piccoli e una migliore conservazione e rappresentazione dei dettagli testuali e dei colori, per un’esperienza ancora più coinvolgente.
  • Maggiore affidabilità e durata: con l’introduzione del circuito “1-a-1” e dell’algoritmo di ottimizzazione dedicato, la nuova soluzione è in grado di fornire una compensazione del display nell’area della fotocamera sotto lo schermo, migliorando la sua resistenza fino al 50%.

Quando potremo toccare con mano questa clamorosa novità che potrebbe rivoluzionare il mondo degli smartphone? Al momento OPPO non ci ha fornito indicazioni, ma restiamo in attesa con tanta curiosità e un pizzico di scetticismo.

Ti potrebbe interessare