YouTube Shorts, i creator pagati fino a 10.000$ al mese

Per fronteggiare l’ascesa di TikTok, YouTube pronta a incentivare i creator con una cifra pari a 100 milioni di dollari.

YouTube punta fortemente su Shorts, nuova funzione in app che consente a chiunque di entrare in contatto con un nuovo segmento di pubblico, utilizzando una serie di strumenti per la creazione di video in formato breve della durata massima di 60 secondi grazie alla fotocamera a più segmenti. I video in formato breve erano già visualizzabili nella piattaforma, ma solo ora le persone in tutto il mondo potranno accedere per la prima volta agli strumenti per creare Shorts: tra questi, la videocamera multi-segmento per unire più clip video, la possibilità di registrare con la musica, le impostazioni per il controllo della velocità e altro ancora.

Un fondo per incentivare gli YouTube Shorts

Al momento i creator di video brevi non condividono le entrate provenienti dalla pubblicità riprodotta nel player di Shorts, ma Google, proprietaria del noto social video, ha istituito il Fondo di YouTube Shorts, un fondo da 100 milioni di dollari indirizzato ai creator che contribuiscono a creare il futuro dei video brevi su YouTube. Purtroppo al momento l’Italia non è tra i Paesi coperti da questi compensi, anche se l’azienda assicura di avere in programma di estendere la disponibilità a un maggior numero di nazioni/aree geografiche.

Ogni mese YouTube contatterà migliaia di creator per comunicare loro che hanno l’idoneità a richiedere un bonus di Shorts da questo fondo in base al rendimento registrato dagli Short del canale nel mese precedente. Per avere l’idoneità a ricevere un bonus dal Fondo:

  • I canali devono aver caricato almeno uno Short idoneo negli ultimi 180 giorni.
  • I canali devono rispettare le Norme della community di YouTube, le norme sul copyright e le norme sulla monetizzazione.
  • Non saranno idonei i canali che caricano video con filigrane o loghi di piattaforme di social media di terze parti o video non originali (ad es. clip non modificati tratti da film o programmi TV) oppure che ricaricano video dei canali di altri creator.
  • I creator devono risiedere in uno dei Paesi o delle aree geografiche seguenti:
    • Brasile
    • India
    • Indonesia
    • Giappone
    • Messico
    • Nigeria
    • Russia
    • Sudafrica
    • Regno Unito
    • Stati Uniti
  • I creator devono avere almeno 13 anni negli Stati Uniti oppure avere raggiunto la maggiore età nel paese o nell’area geografica di residenza.
  • Per i creator di età compresa fra i 13 e i 18 anni, un genitore o tutore deve provvedere ad accettare i termini e configurare un account AdSense per i pagamenti nel caso in cui non ne esista già uno collegato al canale.

Per essere idonei, infine, i canali non devono necessariamente avere la monetizzazione attiva su YouTube. Sono idonei anche i creator che hanno aderito al Programma partner di YouTube e i canali affiliati a una rete multicanale. Non è prevista una soglia di rendimento specifica per ottenere l’idoneità al bonus. Il livello di rendimento necessario per l’idoneità al pagamento del bonus può variare di mese in mese in base a diversi fattori, tra cui la posizione geografica degli spettatori e la crescita complessiva registrata da Shorts.

Ti potrebbe interessare