Microsoft “saluta” il sistema delle password per l’autenticazione

Da oggi, il gigante del software consentirà agli utenti di accedere agli account Microsoft in maniera più semplice, usando anche l’app Authenticator.

Microsoft dà il via a una vera e propria rivoluzione in ambito sicurezza e accesso ai suoi servizi. Da oggi, infatti, è possibile rimuovere le password dagli account legati al colosso di Redmond, salutarle e passare a un nuovo sistema che prevede nuove forme di riconoscimento. L’azienda, infatti, consentirà agli utenti di accedere agli account Microsoft attraverso la sua app Microsoft Authenticator, oppure Windows Hello, una chiave di sicurezza o un normale codice di verifica SMS/e-mail.

Microsoft dice addio alle password

La società americana lavorava ormai da anni a questo progetto , ma solo negli ultimi tempi, col perdurare della pandemia da Covid-19 e quindi con la necessità per molte aziende di continuare a operare sfruttando lo smart working, ha accelerato i tempi e ha iniziato a implementare l’autenticazione senza password per gli utenti commerciali. I primi test sono iniziati a marzo, e si sono conclusi negli ultimi giorni di agosto.

“Oggi siamo sempre più connessi a dei servizi attraverso più dispositivi, quindi abbiamo bisogno non solo di potervi accedere velocemente, ma di farlo anche in sicurezza”, afferma Vasu Jakkal, Vicepresidente & CMO of Security, Compliance and Identity di Microsoft, in un’intervista a The Verge. “Più di 200 milioni di persone stanno già utilizzando opzioni senza password”.

Le password possono essere dimenticate, rubate o compromesse, ma con sistemi quali Authenticator, ad esempio, il telefono dispone di un livello di protezione aggiuntivo oltre al PIN o all’impronta digitale. Idem con le verifiche in due passaggi o tramite codici OTP (password monouso) basati sul tempo standard di settore. Inoltre la mancanza di password aiuta ad accelerare i tempi di accesso ai servizi come Outlook, OneDrive, Office e a molte altre app.

Passare al nuovo sistema di autenticazione è un processo relativamente semplice, assicura l’azienda. Basta avere installata l’app mobile Microsoft Authenticator, collegarla al proprio account Microsoft personale e visitare account.microsoft.com per scegliere tra le opzioni di sicurezza avanzate l’attivazione di questa funzione. In alternativa, il colosso di Redmond permette, non si sa se per un certo lasso di tempo o per sempre, di lasciare tutto così com’è.

Ti potrebbe interessare