Amazon fa causa ai “broker di recensioni false”

Amazon fa causa ai “broker di recensioni false” che traggono profitto dalla creazione di recensioni fuorvianti e fraudolente

Amazon va all’attacco e fa causa ai broker di recensioni false per conto terzi, cioè a dire coloro che orchestrano la compravendita di recensioni dei prodotti in cambio di soldi o prodotti gratis. L’offensiva legale del colosso dell’e-commerce ha l’obiettivo di far chiudere due siti internet, AppSally e Rebatest, che hanno contribuito a ingannare gli acquirenti facendo pubblicare dai loro membri recensioni false in negozi come Amazon, eBay, Walmart ed Etsy.

Amazon contro le fake review

“Questa azione legale”, spiega in una nota l’azienda, “rientra nel più generale impegno proattivo di Amazon per garantire ai suoi clienti un’esperienza di acquisto sicura e affidabile e opportunità di crescita per le imprese”. Amazon ha intrapreso questa azione legale a seguito di un’indagine approfondita su questi broker di recensioni false. Uno di questi, AppSally, vende review a partire da 20 dollari l’una. Il sito chiede ai soggetti malintenzionati di spedire confezioni vuote a persone disposte a scrivere recensioni false, e di fornire ad AppSally fotografie da caricare insieme a quelle recensioni.

Il sistema fraudolento seguito da Rebatest, al contrario, prevede la corresponsione di denaro alle persone che scrivono recensioni a 5 stelle solo se vengono approvate dalle aziende che cercano di vendere gli articoli in questione.

In Amazon più di 10.000 dipendenti nel mondo sono incaricati di proteggere lo store dalle frodi e dagli abusi, comprese le recensioni false. Amazon riceve più di 30 milioni di recensioni alla settimana, e si avvale di potenti strumenti di apprendimento automatico o machine learning in grado di bloccare la maggior parte delle recensioni abusive prima ancora che vengano pubblicate. Nel 2020, Amazon ha bloccato più di 200 milioni di sospette recensioni false prima che fossero viste da un cliente. I casi più recenti risalgono alla fine del 2021, quando due importanti siti di recensioni false sono stati chiusi in Germania e nel Regno Unito a seguito dell’esito positivo delle azioni legali intraprese dall’azienda.

 

Ti potrebbe interessare