La Cina controlla anche le mappe online

Non basta controllare i blog, non basta controllare i siti navigati, non basta controllare i motori di ricerca: ora la Cina intende controllare anche le mappe a disposizione online. L’obiettivo è quello di fornire alla rete un punto di vista univoco sulla questione spinosa dei confini di stato, ove varie sono le contese ed i problemi politici in atto.

418 cartine “politically correct” sono dunque a disposizione per un download gratuito. Così facendo la Cina spera di sopperire ai problemi che 256 diversi siti creano mettendo online mappe differenti ed evidenzianti errori a livello di specifiche isole o della “provincia” di Taiwan (secondo Reuters «l’auto-regolamentata isola si è divisa dalla Cina alla fine della guerra civile del 1949, ma Pechino ha rivendicato l’appartenenza di Taiwan al paese come provincia e ha promesso un attacco se dovesse dichiarare formalmente l’indipendenza»). Facile è ipotizzare una pressione istituzionale al fine di un adeguamento delle cartine devianti verso una espressione conforme a quanto diramato a livello centrale.

C’è molto più della geografia dietro le semplici mappe disponibili online. L’importanza di Internet in questo contesto di battaglia politica e comunicativa è di assoluta rilevanza: «le mappe online si diffondo rapidamente nella rete e hanno un’enorme influenza». Il media elettronico ha una importanza di primo piano e la partecipazione dell’utenza cinese costringe i piani istituzionali ad intervenire per mantenere quel controllo già improntato attraverso altri canali (ma che sulla rete avrà abnormi difficoltà ad imporsi nel lungo periodo).

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti