L’allarme delle compagnie di assicurazioni: impennata degli incidenti da Virtual Reality

Un recente report di Aviva ha evidenziato l'aumento dei visori Virtual Reality in circolazione per via delle molte segnalazioni.
Un recente report di Aviva ha evidenziato l'aumento dei visori Virtual Reality in circolazione per via delle molte segnalazioni.

Il mercato dei dispositivi Virtual Reality, con la tecnologia in costante miglioramento e sempre più software (fra app e giochi) che fanno capolino nei negozi, è in costante crescita. Mentre in alcuni casi si tratta di un aspetto positivo, dato che sempre più utenti si affacciano a questa nuova tecnologia, e Meta non ha ancora fornito dati precisi in merito alle vendite dei suoi Quest 2, i numeri dello store continuano a essere da record, accadono però degli eventi alquanto spiacevoli agli utenti.

Tutte le compagnie del settore si impegnano al fine di rendere i loro visori quanto più sicuri per l’utilizzo, dato che questi oscurano la vista e portano in alcuni casi gli utenti a farsi del male, cadere, o rompere oggetti involontariamente.

Aumentano gli incidenti in Virtual Reality

Ed ecco quindi che dei segni di quest’enorme crescita arrivano anche dall’assicuratore Aviva, il quale ha parlato di come nel corso dello scorso anno si sia visto un aumento del 31% per quel che riguarda incidenti casalinghi con i visori, percentuale che rispetto al 2016 è salita del 68%.

Virtual Reality

Nel 2021, la media dei danni si è attestata dai 650$ agli 880$ circa per incidente, un numero che riconduce proprio alla rottura degli schermi e dei televisori, contro cui risulta particolarmente facile sbattere mentre si è immersi nel mondo digitale.

Trovate qui di seguito la dichiarazione di Kelly Whittington, UK property claims director di Aviva, rilasciate alle pagine del Guardian:

Ci accorgiamo spesso di come nuovi giochi e gadget diventino più popolari attraverso i reclami fatti dai nostri clienti. In passato, abbiamo visto trend simili riguardare le console portatili, i giochi di fitness e addirittura i figdet spinner.

Stando alla compagnia, vedremo il numero di segnalazioni aumentare nel corso del tempo, già nel 2022, il che sarebbe quindi coerente con la diffusione sempre più capillare della tecnologia, in attesa di scoprire finalmente dei dati più precisi grazie a Meta in merito alle vendite dei suoi dispositivi, con nuovi che potrebbero presto fare capolino.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti