QR code per la pagina originale

Samsung Wave 3: samsung non abbandona Bada e rilancia

Samsung Wave 3 è uno smartphone bastato sulla nuova versione del sistema operativo Bada 2.0, con applicazioni esclusive e performance discrete.

Prezzo

€ 349

Giudizi
  • Caratteristiche7,5
  • Connessioni8
  • Design8,5
  • Qualità prezzo7
Pro

Schermo, materiali, hardware equilibrato

Contro

Parco applicazioni ridotto, mancanza di una MicroSD, qualche incertezza nell'utilizzo

Di , 21 Febbraio 2012

Costituzione robusta

Il Samsung Wave 3 farà sicuramente contenti quegli utenti di smartphone che pensano che non si viva di soli Android, iOS e Windows Phone, visto che il produttore coreano si sta ancora impegnando nel sostegno della piattaforma Bada, il suo sistema operativo. Dal suo esordio con la versione 1.0 (Samsung S8500 Wave), lo incontriamo dopo quasi un anno e mezzo in versione 2.0 a bordo, appunto, del nuovo Samsung Wave 3.

Il Samsung Wave 3 è uno smartphone di tipo candybar con schermo Super-Amoled da 4 pollici touchscreen capacitivo e risoluzione WVGA (480×800) e processore single-core da 1.4 GHz. Come il suo predecessore, si presenta sicuramente bene: assemblaggio curato e materiali in parte metallici di buona qualità. In mano restituisce buone sensazioni di solidità, senza particolari scricchiolii. I bordi arrotondati, inoltre, favoriscono una presa confortevole e abbastanza sicura. Scorrendo la cover posteriore, soluzione abbastanza singolare, si accede al vano batteria e allo slot per la SIM card. Troviamo anche uno slot per le schede MicroSD (fino a 32 GB); peccato che la dotazione di serie non preveda nessuna scheda di memoria in bundle.

La struttura del Samsung Wave 3 è abbastanza tradizionale, con i classici pulsanti per il volume ai lati e i soliti jack audio da 3,5 mm e MicroUSB. Nella media, la dotazione: cavo dati, alimentatore, manuali e cuffie di tipo in-ear di buona qualità.

Un buon motore

Il processore Snapdragon del Samsung Wave 3 dovrebbe donare al terminale una reattività notevole. In realtà, nel normale utilizzo non è raro avvertire delle piccole incertezze. Non sono penalizzanti, sia chiaro, ma fanno perdere quella fluidità necessaria per rendere completamente appagante l’utilizzo dello smartphone. Non è escluso che futuri aggiornamenti possono migliorare la situazione.

Galleria di immagini: Samsung Wave 3

La dotazione di memoria è soltanto discreta (512 MB di RAM e 4 GB per lo storage di dati e applicazioni) e, alla luce di questi numeri, la mancanza di una scheda di memoria nella confezione desta ancor più perplessità.

Come connettività, siamo di fronte a un terminale molto interessante: GSM/GPRS/EDGE (850/900/1800/1900 MHz) e UMTS/HSPA (900/2100 MHz) con velocità in download fino a 14,4 Mbps e 5,7 Mbps in upload. Non mancano Bluetooth 3.0 e Wi-Fi 802.11 b/g/n.

Anche i sensori sono quelli attesi (GPS, accelerometro, luminosità, prossimità, bussola). Manca, purtroppo, il led di stato come troppo spesso vediamo anche su terminali di fascia alta.

Con la batteria da 1.500 mAh, il Samsung Wave 3 permette di coprire, senza troppi problemi, una giornata lavorativa abbastanza intensa.

Bada e oltre

La sezione multimedia mostra qualche punto debole. Se da un punto di vista software rileviamo compatibilità e player di ottima qualità, dall’altra abbiamo notato qualche piccolo limite della fotocamera posteriore. La risoluzione non è eccezionale (5 megapixel, con flash LED e autofocus) e, pur consentendo filmati a 720p, in qualche condizione porta a immagini con un po’ troppo rumore.

Dal punto di vista software, abbiamo apprezzato il lieve restyling introdotto con Bada 2.0. L’interfaccia rimane la collaudata TouchWiz di Samsung, con buone possibilità di personalizzazione tranne i widget, disponibili in numero davvero esiguo. La dotazione software è interessante, grazie anche alla possibilità di installare un buon navigatore offline. Con Polaris Office è possibile, inoltre, visualizzare e modificare i classici file Office. Altri software di serie consentono una gestione integrata dei social network (SocialHub), le chat (ChatON) e la gestione/acquisto di tracce audio (MusicHub).

Attraverso lo store SamsungApp è possibile personalizzare il Samsung Wave 3, ma non aspettatevi il numero e la qualità delle applicazioni disponibili sui market concorrenti.

Il prezzo del Samsung Wave 3 è, secondo noi un po’ troppo, visti i limiti del market Samsung, ma è anche possibile trovarlo anche a cifre leggermente inferiori con offerte e abbonamenti.