Sony e Intel, esperimenti di DRM in chiave Microsoft

Sony e Intel stanno affrontando nuovi esperimenti di Digital Right Management tentando di blindare supporti («masterizzazione sterile») e hardware (Pentium D) in funzione anti-pirateria. Entrambi i progetti ruotano attorno al perno Microsoft
Sony e Intel stanno affrontando nuovi esperimenti di Digital Right Management tentando di blindare supporti («masterizzazione sterile») e hardware (Pentium D) in funzione anti-pirateria. Entrambi i progetti ruotano attorno al perno Microsoft

La lotta alla pirateria sta tentando di raggiungere due nuovi livelli di intervento: se dapprima la protezione è stata cercata all’interno dei software, da tempo è in atto il tentativo di proteggere i supporti fisici ed oggi è già attivo il progetto di applicare controlli e protezioni anche a livello hardware. Mentre nel primo caso sono soprattutto Microsoft ed Apple gli attori principali della battaglia, gli ultimi due livelli stanno per trovare nuovi stimoli nelle novità introdotte da Sony e Intel.

Sony, da parte sua, sta da tempo cercando di fermare la copia di film e brani musicali agendo a livello di supporto. Dopo i fallimenti registrati nei precedenti tentativi, Sony approda ora alla cosiddetta «masterizzazione sterile» grazie alla quale risulta difficile procedere alla masterizzazione di quella che è, a sua volta, già la copia di un supporto originale: tale principio permetterebbe così agli utenti di possedere una copia personale dei propri contenuti, ma verrebbe limitata una masterizzazione a catena che rappresenta gran parte del mercato pirata attuale. Già alcuni CD prodotti da Sony BMG avrebbero in dote il nuovo sistema, ma al momento non se ne conoscono i riferimenti.

Gli interventi a livello hardware sono firmati Intel e sono emersi ufficiosamente da un intervento del responsabile Graham Tucker durante un convegno in Australia: Tucker avrebbe ammesso infatti, pur senza fornire ulteriori dettagli, come il nuovo Pentium D avrebbe particolari funzionalità tali da permettere un controllo hardware del Digital Right Management.

Inevitabile notare come entrambi gli interventi sembrano fare riferimento esclusivo all’ambiente Microsoft: mentre Intel ha esplicitamente ammesso la collaborazione con Microsoft nel progetto, Sony ha comunicato che la propria protezione dei supporti lavora tramite Windows Media Audio.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti