QR code per la pagina originale

Empire: Total War

Realismo, profondità e coinvolgimento. Cos'altro chiedere a un RTS?

Voto WebNews
8,6
Data di uscita

4 Marzo 2009

Giudizi
  • Giocabilità9,0
  • Grafica9,0
  • Sonoro8,0
  • Multiplayer8,0
  • Longevità9,0
Pro

Notevole longevità. Grafica di alto livello. Elevato realismo e ricostruzione storica accurata. Il tutto regala un incredibile coinvolgimento

Contro

Richiede tempo e applicazione, ma soprattutto la disponibilità di un PC dotato di ottime componenti hardware per essere pienamente apprezzato

Di ,

Giocabilità

Visto che siamo in tema di realismo, non possiamo far altro che plaudire al lavoro svolto dai progettisti di Empire: Total War. Le battaglie, e vi assicuriamo che dovrete combatterne molte, sono gestite al meglio, sia per quanto riguarda l’interfaccia, che la sensazione di trovarsi sul luogo.

Non siamo di fronte al solito strategico in tempo reale, in cui si devono creare centinaia di unità da lanciare contro il nemico. Qui è determinante muovere le unità con precisione, strategia e sagacia. La cavalleria che prende di fianco delle unità di fanteria può decidere una battaglia, di contro, si deve porre la massima attenzione per far sì di non subire repentini attacchi con conseguente disfatta.

Sul campo di battaglia, poi, ogni elemento ambientale è importante come, ad esempio, una collina che può dare un reale vantaggio strategico. Conta molto anche il morale delle truppe, che potrebbero darsi alla fuga se si trovano in condizioni svantaggiate, o se messe sotto pressione dalla strategia del nemico. Persino le condizioni meteorologiche possono risultare risolutive.

L’intelligenza artificiale è di prim’ordine: anche i nemici si pongono obiettivi specifici e non si buttano nella mischia a testa bassa con attacchi suicidi. L’attenzione del giocatore è quindi ai massimi livelli e, cosa decisamente piacevole, lo è anche l’adrenalina!

A questo si deve aggiungere quella che è una delle principali novità presenti in Empire: Total War, ovvero la battaglie navali, riprodotte con lo stesso realismo di quelle su terra. Partecipare a una battaglia tra vascelli, dotati di batterie di cannoni (si può scegliere il tipo di munizioni e persino se mirare ad alberi, scafo o equipaggio!) non vuol dire solo colpire l’avversario, ma anche dover manovrare la nave nel migliore dei modi.

Le situazioni di gioco che ne scaturiscono risultano assolutamente realistiche, ma, va detto, forse anche meno divertenti, forse a causa dell’inevitabile lentezza di manovra di una nave rispetto alle truppe di terra.

Ma non di sole battaglie vive il giocatore di Empire: Total War. Infatti è cruciale la gestione economica, tecnologica e diplomatica della propria fazione. Si deve decidere quali migliorie apportare alle città, quali tecnologie sviluppare e tenere e, nel contempo, allacciare i giusti rapporti con gli altri governati. Si può optare per un’alleanza, dichiarare guerra o chiedere semplicemente il permesso di passaggio su un territorio per raggiungerne un altro di interesse.

Il tipo di governo scelto può inoltre incidere su diversi altri fattori come, ad esempio, il controllo delle città (non sempre pacifiche: occhio alle rivolte!) o, addirittura, aprendo o chiudendo certi rami di sviluppo tecnologico.

Bisogna anche prestare la massima attenzione alle risorse disponibili: come è lecito aspettarsi, senza fattorie o miniere, non si va da nessuna parte.

Empire: Total War è quindi un gioco completo e complesso, anche se molto facile da gestire, che può appassionare un gran numero di giocatori. La sua ampiezza può però anche risultare eccessiva e dispersiva, almeno per i casual gamer.

Giudizio tecnico

La grafica di Empire: Total War è semplicemente spettacolare. Non solo i campi di battaglia sono ricchissimi di particolari, ma zoomando sul singolo soldato ci si accorge che, per qualcosa, è diverso da quello che gli sta accanto!

Le animazioni sono estremamente precise e ogni combattente compie le azioni che veramente compirebbero in caso di scontro a fuoco o all’arma bianca. Si corre quasi il rischio di ritardare il comando a un’unità per guardare lo svolgimento delle azioni come se si fosse al cinema.

Ma c’è un rovescio della medaglia. Le richieste di risorse hardware sono notevoli e non potrebbe essere diversamente, visto il numero di soldati presenti contemporaneamente sul campo. Stiamo parlando di combattimenti di massa realizzati con una dovizia di particolari senza pari. Empire: Total War  è comunque scalabile, si può quindi abbassare il livello di dettaglio, ma un buon processore e una valida scheda grafica sono comunque essenziali.

Parlando proprio di giocabilità, non si può non far riferimento a come il modo di giocare cambia a seconda della fazione scelta. Le campagne sono notevolmente influenzate da questo fattore e, ogni volta, ci si trova di fronte a un’esperienza di gioco totalmente diversa dalle altre. Come è quindi facile capire, Empire: Total War garantisce un’elevata longevità, ampliata poi dalla possibilità di giocare partite in multiplayer.

Multiplayer che presto includerà un numero maggiore di modalità rispetto a quelle offerte inizialmente. Al momento, fra le opzioni più interessanti, c’è la possibilità di partecipare ad assedi o a battaglie campali, tutte facilmente gestibili e soggette a parametri personalizzabili, per un massimo di quattro giocatori contro quattro.

In sintesi, Empire: Total War è un gioco complesso ma gestibile con facilità e immediatezza, grazie a un lavoro di assoluta eccellenza da parte dei programmatori. Richiede comunque tempo e applicazione e difficilmente potrà essere apprezzato dal giocatore occasionale.