QR code per la pagina originale

Spesa per l’IT in caduta libera nel 2009

Potrebbe diminuire del 4% la spesa nel comparto dell'IT su scala globale. Secondo gli analisti di Gartner, il rallentamento potrebbe colpire principalmente il settore dell'hardware, destinato a perdere circa 15 punti percentuali in un anno

,

Si addensano nubi minacciose all’orizzonte per il comparto dell’Information Technology (IT). La crisi economica sempre più globale non risparmia alcun settore e potrebbe comportare una contrazione intorno al 4% della spesa nei servizi e nei prodotti tecnologici nel corso del 2009. Un declino sensibile che potrebbe portare a un progressivo rallentamento di un comparto solitamente molto attivo e dinamico.

Secondo gli analisti di Gartner, la spesa per l’IT potrebbe ridursi complessivamente del 3,8% portandosi dai 3.360 miliardi di dollari registrati nel 2008 ai previsti 3.234 miliardi di dollari del 2009. Per la famosa società di analisi, l’hardware potrebbe rivelarsi il settore maggiormente in sofferenza con una riduzione su scala globale pari al 14,9%, una riduzione sensibile se si pensa che tra il 2007 e il 2008 le spese per questo specifico comparto erano aumentate di circa il 3%. La spesa per i componenti passerebbe dunque dai 381 miliardi di dollari dello scorso anno ai 324 miliardi di dollari previsti per il 2009.

La flessione dovrebbe essere, invece, meno significativa per la branca dell’IT strettamente legata al software. Gartner prevede, infatti, un aumento della spesa pari allo 0,3% che si dovrebbe tradurre in 222,6 miliardi di dollari rispetto ai 221,9 miliardi del 2008. Infine, sono previsite sensibili riduzioni per i servizi dell’IT e l’area telecomunicazioni con perdite rispettivamente pari a -1,7% e -2,9%.

Gli analisti di Gartner sottolineano come i provvedimenti adottati dai principali paesi per ridare slancio all’economia potranno difficilmente modificare gli attuali trend nel breve periodo, rivelandosi utili solamente nel lungo periodo. La riduzione della spesa per l’IT comporterà dunque un rallentamento nella sostituzione dei prodotti e condizionerà sensibilmente le performance delle aziende sui nuovi mercati. Gli effetti dei ridotti volumi di vendite potrebbero farsi sentire maggiormente nei mercati emergenti, mentre la mancata sostituzione dei prodotti dovrebbe interessare i mercati più maturi. La necessità di attuare tagli e risparmiare risorse spingerà consumatori e aziende verso le soluzioni a basso costo e un prolungato utilizzo dei medesimi dispositivi, possibilmente con contratti estesi per rimandare l’acquisto di nuove strumentazioni.

Infine, gli esperti di Gartner regalano una nota di velato ottimismo: la flessione della spesa per l’IT non dovrebbe superare il -3,8% finora previsto. Le risorse dell’Information Technology sono essenziali per la gestione di buona parte delle aziende e costituiscono dunque un bene irrinunciabile. Anche in assenza di investimenti per nuove infrastrutture, la manutenzione delle attuali risorse dovrebbe consentire al settore di mantenere una certa fluidità, utile per fronteggiare i tempi difficili della crisi.

Notizie su: