QR code per la pagina originale

Dopo il restyling, Digg è ancora più social

,

Come aggregatore di segnalibri condivisi, il cosiddetto social bookmarking, Digg è uno dei protagonisti più rappresentativi del Web 2.0: lo si deduce anche dal fatto che la sua icona è spesso affiancata a quelle Twitter, Facebook e RSS nelle barre di sharing associate a molti contenuti online.

Con un post sul blog ufficiale, il papà di Digg, Kevin Rose, ha presentato gli ultimi importanti interventi di restyling, che hanno interessato la forma e la sostanza della piattaforma, front-end e back-end.

Rose dichiara che all’origine del processo di revisione ci sono anche molti input degli utenti. La “mission” di Digg ne risulta confermata: essere un luogo in cui

le persone possono scoprire e condividere contenuti e conversazioni da ogni dove nel Web.

La nuova versione, sigliata “V4“, è pensata per migliorare il modo in cui i contenuti possono essere condivisi e discussi. La piattaforma sarà più veloce e, soprattutto, personalizzabile. Il pezzo forte dell’intervento sta infatti nell’offerta dell’opzione “My News“, che consente a ciascun utente di crearsi una propria homepage, selezionando esclusivamente le segnalazioni dei propri amici o di altre fonti ritenute interessanti, veicolate anche da altri social network. Si potrà, in modo nuovo, diventare “follower” di qualcuno o averne.

Per una prima introduzione alle novità, può essere utile il seguente video:

[vimeo 14428725]

Notizie su: