QR code per la pagina originale

YouTube ed LG, partnership in 3D

LG e YouTube hanno un interesse comune: i video tridimensionali. I device LG li registrano, YouTube li distribuisce. Ma bisogna facilitarne il caricamento.

,

YouTube ed LG hanno un obiettivo in comune: conquistare il mercato dei contenuti 3D. I due gruppi credono di poter occupare un ruolo importante in questo ambito ed intendono pertanto spalleggiarsi a vicenda per poter arrivare per primi al traguardo, ognuno nel proprio segmento: l’uno nella vendita dei device, l’altro nella raccolta e distribuzione dei contenuti.

Affinché il 3D possa imporsi, infatti, occorre che il puzzle sia completo: chi produce il contenuto deve utilizzare strumenti appositi; chi distribuisce il contenuto deve prevedere canali e servizi appositi; chi visualizza il contenuto deve utilizzare schermi ad hoc. LG e YouTube, unendo gli sforzi, possono fare in modo che l’intera trafila possa essere concretizzata sotto gli occhi degli utenti anche per quanto riguarda i cosiddetti “user generated content”, quelli che grazie alla loro pervasività potrebbero presto diventare un vero e proprio traino per l’intero settore 3D.

La ripresa può essere infatti realizzata con i nuovi LG Optimus 3D, il primo cellulare con schermo 3D e doppia fotocamera per la ripresa video stereoscopica. Una volta catturato il filmato, occorre però svelarne il valore portandolo sotto gli occhi di una massa di utenti: a tal fine è disponibile YouTube con un apposito canale 3D ed una applicazione che consente di facilitare l’upload dei file. A questo punto la visualizzazione può avvenire sul cellulare, su un tablet 3D (LG Optimus Pad) o su una tv 3D.

La partnership tra i due gruppi è finalizzata semplicemente a velocizzare e facilitare le procedure perché maggiore è il numero di contenuti disponibili online e maggiore sarà la rapidità con cui tale tecnologia andrà ad imporsi. Il filo che tiene unite le parti è il comune interesse per Android, il sistema operativo sviluppato da Google ed utilizzato da LG nei propri device (ivi inclusi i device dotati di tecnologia 3D).

Fonte: PC World • Immagine: David Recordon • Notizie su: ,