QR code per la pagina originale

Windows 8, parlano gli sviluppatori

Windows 8 continua ad evolversi nei laboratori Microsoft. Alcune possibili nuove funzioni trapelano però dai profili LinkedIn di alcuni dipendenti.

,

Oltre a rappresentare il social network professionale per eccellenza, LinkedIn può trasformarsi in alcuni casi in una vera e propria miniera di informazioni. La dimostrazione arriva da Stephen Chapman, blogger di ZDNet che grazie ai profili LinkedIn di alcuni degli sviluppatori Microsoft è riuscito ad ottenere importanti novità sullo sviluppo di Windows 8.

Nessun dettaglio in particolare viene svelato dal blogger, che fornisce però un elenco dei progetti che in quel di Redmond hanno deciso di portare avanti per la prossima edizione del sistema operativo che ha fatto la fortuna della società fondata da Bill Gates. Un elenco in cui figura l’intenzione di migliorare il sistema di interazione con gli utenti, sviluppando strumenti mirati a ottenere feedback in merito a software e altri componenti del sistema, cercando di migliorare quanto gli utenti ritengono non ancora sufficiente. Allo stesso modo Microsoft punta sugli utenti per ottenere suggerimenti riguardanti la sicurezza, forse in questo caso in maniera indiretta.

Un importante aspetto di Windows 8 sarà lo storage: gli sviluppatori che si occupano di tale area sono numerosi, ciascuno con un proprio compito. Tra la gestione locale dei dati e l’archiviazione degli stessi in remoto le novità in serbo da parte di Microsoft sembrano diverse. Un ruolo molto importante sembra quello che sarà ritagliato per Windows Live, servizio attorno al quale ruoterà buona parte del mondo cloud di Redmond. Da semplice servizio per la posta elettronica, Hotmail potrebbe inoltre presto trasformarsi in qualcosa di più evoluto, integrandosi ulteriomente con Windows.

Le novità riguardano anche l’interfaccia utente del sistema operativo, con la realizzazione di un nuovo pannello di controllo che sembra già ben più che una semplice idea. In tal senso trovano la loro collocazione l’utilizzo di C++ e delle Direct UI. Più che una rivoluzione ci si aspetta però una serie di cambiamenti volti a semplificare la gestione del sistema operativo. A presentarsi con un nuovo look al debutto del sistema operativo potrebbe essere anche il gestore dei file Explorer.

Un nuovo sistema per la ricerca dei file potrebbe permettere agli utenti di velocizzare tale operazione, mentre un nuovo framework per lo sviluppo di applicazioni per Windows 8 potrebbe rendere la vita sensibilmente più semplice a tutti i programmatori. Un occhio di riguardo sarà con ogni probabilità riservato anche alle prestazioni, con un team di ingegneri al lavoro per ottimizzare il Kernel. Sebbene i trend degli ultimi mesi abbiano lasciato trapelare l’ipotesi di un possibile abbandono di Silverlight, sembra che invece Microsoft abbia allestito un apposito gruppo di lavoro per integrare tale tecnologia in Windows 8.

Un’ombra di mistero aleggia invece intorno a quello che prende il nome di Windows.Next: nulla trapela riguardo la natura del progetto, che potrebbe sfociare in un nuovo componente del sistema operativo, sebbene siano numerosi gli sviluppatori rintracciati da Chapman che nel proprio curriculum su LinkedIn lo citino a più riprese. Tra questi alcuni si dedicano alla realizzazione dell’interfaccia grafica, altri all’integrazione con Windows 8, altri ancora alla compatibilità con numerosi dispositivi esterni quali fotocamere, stampanti, scanner e quant’altro.

Proprio la compatibilità con le periferiche hardware è una delle maggiori priorità in quel di Redmond, ove si vuole rendere possibile l’utilizzo di qualsiasi accessorio compatibile con Windows 7. Particolare interesse suscita il settore delle periferiche di input: se alcuni sviluppatori annunciano grandiosi novità in tal senso, parlando di un nuovo sistema di Input Avanzato, altri invece suggeriscono l’ipotetica introduzione in Windows 8 della possibilità di effettuare il login in maniera alternativa, utilizzando strumenti quali smart card ed altri accessori per l’inserimento delle credenziali d’accesso.

Fonte: ZDNet • Notizie su: