QR code per la pagina originale

Cracker affonda ASUS Italia

Il sito ASUS Italia dedicato alla vendita dei notebook è stato hackerato: un cracker turco lo ha portato offline e rubato tutto il database.

,

Un cracker, che si firma con il nome Maxney e che fa parte del Turkish Ajan Hacker Group, ha violato e deturpato il sito Web di ASUS Italia, che attualmente è ancora offline. Non è la prima volta che Maxney prende di mira le grandi società, dato che è anche il responsabile degli attacchi a Siemens e Dominos avvenuti nelle scorse settimane.

Sul sito ASUS campeggia in questo momento una bandiera turca e la rivendicazione dell’avvenuto attacco.

ASUS Italia hackerato

Il sito ASUS Italia sotto attacco cracker (immagine: ASUS Italia).

Maxney è riuscito a violare la parte del sito Web di ASUS Italia dedicata ai notebook, ovvero dove sono contenute tutte le informazioni sulla gamma di portatili della società, oltre all’area clienti. Proprio da qui il cracker è riuscito a rubare i dati sensibili della clientela iscritta al sito, quali nomi reali, indirizzi, numeri di telefono e informazioni aziendali. Si parla della banca dati completa di ASUS Italia, che conteneva ben 8000 iscritti.

La notizia è stata condivisa da Cyberwar News, che ha ottenuto l’informazione dal cracker stesso, il quale ha anche precisato di aver caricato su Pastebin quattro file che contengono tutto il database rubato, che peraltro è disponibile per il download pubblico su RapidShare. V’è però da sottolineare che tutte le richieste di download vengono elaborate da ozdc.net, dunque scaricarne le prove comporta un rischio per la propria sicurezza.

Trattasi di un problema di enorme importanza per ASUS, che dovrà occuparsi di spiegare quanto accaduto ai propri clienti e di migliorare la sicurezza della propria piattaforma online. Chiunque fosse iscritto al sito ASUS dovrebbe verificare lo stato del proprio account ed eventualmente modificare le password dei propri account online se utilizzanti la medesima password adoperata sul sito ASUS Italia.

Fonte: Cyberwar News • Notizie su: