QR code per la pagina originale

Facebook si prepara a sfidare Spotify (update)

Facebook starebbe progettando il lancio di un servizio di streaming musicale per entrare in diretta concorrenza con Spotify e Apple Music

,

Facebook starebbe pianificando il lancio di un proprio servizio di streaming musicale, andando così in diretta concorrenza con servizi analoghi quali Spotify o Apple Music. Alcuni giorni fa erano emerse alcune indiscrezioni sul fatto che Facebook stesse dialogando con alcune grandi major come Sony Music Entertainment, Universal Music Group e Warner Music Group per prepararsi al lancio di un servizio legato in qualche modo alla musica. Ma adesso un report di Music Ally ha permesso di fare maggiore chiarezza sui piani del social network legati alla musica.

Facebook starebbe, dunque, progettando un servizio di musica on demand all’interno della sua piattaforma che potrebbe arrivare nel corso dei prossimi mesi. Mark Zuckerberg punterebbe, dunque, a traghettare il social network dentro il business della musica online. Secondo le indiscrezioni, Facebook offrirebbe innanzitutto l’accesso on demand agli utenti a video musicali esclusivi, confermando alcuni rumors che davano il servizio musicale correlato alla piattaforma video già presente all’interno del social network. Facebook andrebbe a pagare i diritti d’autore ed offrendo anche un servizio che possa prevenire il fenomeno della pirateria (così come Content ID consente di fare su YouTube, ad esempio, per fornire alle case discografiche la contromisura necessaria per liberare la circolazione dei brani senza timori).

Indiscrezioni rivelerebbero che il servizio musicale di Facebook sarebbe in fase di progettazione già avanzata. Questo esperimento nel mercato della musica sarebbe visto come un test cruciale per valutare come Facebook possa entrare realmente nel settore della musica in streaming, per sviluppare successivamente un servizio dedicato con il quale accelerare sul progetto.

Lo streaming è divenuto una parte sempre più importante dei ricavi dell’industria musicale. Il numero di abbonati paganti in tutto il mondo è cresciuto del 46,4% lo scorso anno, con le entrate degli abbonamenti in aumento del 39%. Numeri che non possono non far gola a Facebook, che per il lancio può contare su un bacino di potenziali sottoscrittori che supera il miliardo di utenti.

Facebook avrebbe, dunque, tutte le carte in regola per diventare molto presto una delle migliori piattaforme di streaming musicale della rete. Le trattative con le case discografiche faranno la differenza. E chi già oggi occupa il mercato farà di tutto per tenere fuori Zuckerberg da questo ambito particolare, nel quale la socializzazione potrebbe fare la differenza.

Update:

Facebook è intervenuto smentendo la volontà di entrare nel business della musica in streaming.