QR code per la pagina originale

Huawei avrà il suo assistente personale

Secondo Bloomberg, Huawei avrebbe creato un team di 100 ingegneri per lo sviluppo di un assistente personale che verrà installato sui futuri smartphone.

,

Anche Huawei ha avviato lo sviluppo di un assistente personale, simile a quelli offerti da Apple (Siri), Google (Assistant), Amazon (Alexa) e Microsoft (Cortana). I dirigenti dell’azienda cinese hanno più volte dichiarato che l’obiettivo è diventare il primo produttore mondiale di smartphone, superando Samsung e Apple. Ecco perché vuole realizzare una tecnologia proprietaria che possa distinguere i suoi dispositivi da quelli della concorrenza, una strategia già attuata con i processori Kirin.

Secondo le fonti contattate da Bloomberg, Huawei ha creato un team composto da oltre 100 ingegneri che hanno avviato lo sviluppo dell’assistente personale presso la sede di Shenzhen. Il produttore avrebbe però pianificato il lancio della tecnologia solo in Cina, quindi gli utenti potranno comunicare solo in cinese, almeno nelle fasi iniziali. Il motivo è piuttosto chiaro: molti servizi di Google sono bloccati dal governo, quindi ci sono maggiori possibilità di guadagnare ampie quote di mercato. Gli smartphone che verranno distribuiti in tutto il mondo continueranno ad utilizzare Google Assistant (oggi presente solo sui Pixel) e Amazon Alexa (sul Mate 9 venduto negli Stati Uniti).

Galleria di immagini: Huawei Mate 9, le immagini

Huawei aveva annunciato ad ottobre 2016 l’avvio di una partnership con la University of California, Berkeley. Il produttore cinese ha investito circa un milione di dollari in vari campi della ricerca, tra cui intelligenza artificiale, deep learning, computer vision e natural language processing. L’assistente personale potrebbe rappresentare il primo frutto di questa collaborazione. Tuttavia non è noto se e quando il servizio arriverà anche negli Stati Uniti e nel resto del mondo.

Huawei non è l’unico produttore di smartphone Android a sviluppare un assistente digitale diverso da quello di Google. Anche Samsung dovrebbe integrare la sua tecnologia (nome in codice Bixby) nei due Galaxy S8 che verranno annunciati a fine marzo.

Fonte: Bloomberg • Notizie su: ,