QR code per la pagina originale

NASA, la missione su Marte partirà dalla Luna

La NASA ha fornito alcuni dettagli sulla missione umana su Marte; il primo step prevederebbe la costruzione di una stazione spaziale in orbita sulla Luna.

,

Un gruppo di astronauti potrebbe dover trascorrere un anno in orbita intorno alla Luna per esercitarsi e fare esperienza prima di partire su Marte nel 2030. La NASA, durante il vertice “Human to Mars” a Washington DC, ha, infatti, rivelato i piani della missione umana sul pianeta rosso. L’agenzia spaziale, infatti, ha sottolineato che la prima fase del progetto prevede la costruzione di quella che chiama “Deep Space Gateway“. Sostanzialmente si tratterebbe di una stazione spaziale che sarebbe messa in orbita attorno alla Luna e che avrà due obiettivi molto importanti. Il primo, quello di sperimentare tutte le tecnologie necessarie al viaggio spaziale e il secondo, di fungere da gateway per il viaggio su Marte che dovrebbe partire nel 2030.

Greg Williams della NASA, ha anche aggiunto che prima di avviare la fase della missione sulla Luna, saranno effettuati 5 lanci, 4 dei quali senza equipaggio per trasportare materiale che sarà necessario utilizzare in orbita. L’ultima missione lunare, la quinta, servirà per immettere nell’orbita del satellite terrestre il “Deep Space Transport“, cioè il mezzo che gli astronauti utilizzeranno per raggiungere Marte. L’intera missione Luna-Marte sarà resa operativa in due step. Tra il 2018 ed il 2026 saranno effettuate le prime 4 missioni che permetteranno di strutturare la stazione spaziale intorno alla Luna.

Il suo funzionamento sarà molto simile a quello dell’attuale ISS e disporrà anche di un braccio meccanico esterno. Dal 2027 scatterà la fase 2 con il quinto lancio verso la Luna che porterà il Deep Space Transport ad agganciarsi alla stazione spaziale in orbita. A quel punto, l’equipaggio scelto per la missione su Marte potrà recarsi sulla stazione spaziale per iniziare le attività di addestramento per il lungo viaggio. A partire dal 2030, tutto potrebbe essere pronto per la missione sul pianeta rosso.

Ovviamente trattasi di date molto fluide in quanto il programma è ancora suscettibile di modifiche. La NASA, infatti, sta ancora lavorando per capire quali possano essere i partner tecnici disposti ad aderire alla missione e come sia possibile armonizzare il tutto per raggiungere il pianeta rosso.

Fonte: Space • Immagine: NASA via Shuuterstock • Notizie su: