QR code per la pagina originale

Facebook, 30 milioni di utenti in Italia

In Italia sono oltre 30 milioni gli utenti al mese su Facebook; 28 di questi accedono da dispositivi mobile.

,

Sono più di 30 milioni gli italiani che utilizzano Facebook ogni mese. Il dato molto importante che mostra l’alto gradimento del social network da parte degli italiani arriva direttamente da Luca Colombo, Country Manager di Facebook per l’Italia, all’interno di un’intervista a Il Sole 24 Ore. 30 milioni, inoltre, è molto vicino al numero di italiani che accedono ogni mesi ad internet, come dire che la maggiormente degli internauti dell’Italia accede ed utilizza il social network.

Anche gli italiani, inoltre, confermano la tendenza generale di Facebook che vede gli utenti preferire l’accesso da dispositivi mobile. Su 30 milioni, infatti, 28 utilizzano Facebook dall’applicazione mobile. Nonostante i numeri dimostrino che quasi tutti gli italiani che utilizzano internet accedono a Facebook, Luca Colombo vede ancora margini di miglioramento soprattutto sul fronte mobile che è centrale nella strategia del social network visto che l’85% del fatturato pubblicitario arriva da questa piattaforma. L’Italia, inoltre, è molto importante per Facebook. Il rapporto internauti/utenti è, infatti, molto alto e superiore a quello di paesi come Francia e Inghilterra.

Per Luca Colombo, per continuare la crescita digitale del Paese, è necessario migliorare la dotazione della banda larga anche se la situazione sta migliorando. Altra importante questione su cui si deve migliorare è la formazione delle persone.

Per quanto riguarda le questioni fiscali di cui Facebook è più volte stato protagonista a livello globale, Luca Colombo ha sottolineato come non ci siano tavoli aperti con in fisco italiano. Il Country Manager di Facebook per l’Italia ha, inoltre, evidenziato come non ci siano trattative in corso con la Uefa per i diritti delle partite di Champions ed Europa League.

Infine, Colombo ha anche confermato che Facebook Italia sta lavorando con gli editori per offrire loro nuove opportunità come gli Instant Articles e nuove soluzioni legate al live streaming video.