QR code per la pagina originale

OnePlus e privacy degli utenti, novità in arrivo

Carl Pei, co-fondatore di OnePlus, ha comunicato che da fine mese non verranno più raccolte informazioni su numero di telefono, indirizzo MAC e rete WiFi.

,

Da circa una settimana il produttore cinese è finito nell’occhio del ciclone in seguito alla scoperta di una funzionalità, inclusa in Oxygen OS, che permette di raccogliere numerosi dati sensibili dell’utente. Il co-fondatore di OnePlus, Carl Pei, ha chiarito il motivo per cui è stata implementata, annunciando anche alcuni cambiamenti dalla fine di ottobre.

Analizzando il traffico in uscita dal suo OnePlus 2, l’ingegnere Christopher Moore ha scoperto che Oxygen OS invia ad un server remoto informazioni sullo smartphone (numero, IMEI e IMSI) e sulla rete WiFi, oltre alle statistiche di utilizzo delle app. Carl Pei ha sottolineato che la raccolta di alcuni dati è una pratica standard dell’industria. In effetti molti produttori fanno lo stesso, ma in nessun caso dovrebbe essere possibile risalire all’identità dell’utente. I dispositivi di OnePlus trasmettono in forma sicura due tipi di stream: statistiche di utilizzo e informazioni sullo smartphone.

Il produttore raccoglie le statistiche di utilizzo per comprendere meglio il funzionamento del dispositivo (ed eventualmente individuare bug) e per ottimizzare il sistema operativo. La raccolta di questo tipo di dati può essere disattivata nelle impostazioni avanzate. Le informazioni sullo smartphone servono invece per fornire un migliore supporto post-vendita. Il co-fondatore di OnePlus afferma che vengono raccolti in forma aggregata e che non sono condivisi con aziende esterne.

Dalla fine di ottobre su tutti i dispositivi OnePlus verrà mostrato un avviso, durante la configurazione guidata, che indica la presenza della raccolta delle statistiche di utilizzo. Gli utenti avranno la possibilità di impedire tale raccolta (opt-out). Non verranno inoltre più registrate le informazioni su numero di telefono, indirizzo MAC e rete WiFi. OnePlus non ha tuttavia chiarito due aspetti importanti, ovvero per quanto tempo i dati vengono conservati sul server e se gli utenti possono cancellare quelli già raccolti.

Fonte: OnePlus • Notizie su: ,