QR code per la pagina originale

MyDoom.AC: un virus che rinnega l’olocausto

Secondo il virus writer responsabile del nuovo MyDoom (versione .AC) l'olocausto è una bugia. L'autore ne parla nel testo del virus stesso, tentando poi di affondare un DoS contro un sito dedicato alla Memoria. Il tutto in nome del revisionismo.

,

Tra i vari rigurgiti revisionisti che da tempo minano la memoria storica dei fatti tragici della metà del ‘900, va ora annoverato anche il virus MyDoom: nell’ultima versione del worm (denominazione Symantec: w32.mydoom.ac), infatti, le mail infette vengono inviate riportando ad oggetto frasi inequivocabili quali “L’olocausto è una bugia” oppure “Olocausto degli ebrei, un’altra bugia”.

Il testo del messaggio è ancor più netto ed invita addirittura a visitare siti web dedicati al revisionismo. L’infezione della macchina inoltre ne determina la partecipazione ad un attacco DoS contro il sito web del “Holocaust History Project“. L’attacco, come gli altri programmati da questo worm ideologico, è predisposto per colpire la porta 80 del server procurandone il momentaneo “fuori servizio”.

Per completare la propria opera di infezione il worm copia se stesso nel sistema con nomi di copertura quali “MSNCracker2005.exe”, “Office2005.exe” oppure “Setup.exe”. La copia viene effettuata all’interno di directory appositamente predisposte alla condivisione tramite file-sharing, così da rendere maggiormente alto il tasso di diffusione del worm. MyDoom.AC si autoinvia inoltre agli indirizzi mail trovati nella macchina colpita e preservati da un apposito filtro in grado di escludere precisi riferimenti (parole quali “abuse”, “linux”, “mozilla” e altre).