QR code per la pagina originale

180Solutions: lo spyware cerca l’assoluzione

180Solutions comunicherà ad ognuno dei propri 20 milioni di utenti il fatto che il programma è installato, che mostrerà promozioni sporadiche e che è possibile disinstallarlo seguendo le istruzioni riportate: basterà per non essere definito 'spyware'?

,

180Solutions è uno dei nomi maggiormente conosciuti in ambito Spyware. Per radicare il proprio mercato e fugare i possibili guai giudiziari conseguenti, il gruppo ha distribuito un comunicato stampa con il quale promette importanti iniziative volte a certificare la propria presenza quale semplice ed innocuo adware di cui l’utente risulta essere pienamente consapevole e consenziente.

180Solutions è unanimamente riconosciuto come spyware a causa delle pratiche messe in atto tramite disinformazione ed installazioni inconsapevoli. Ne certifica lo status di software maligno Computer Associates, conferma la teoria il noto Ben Edelman. Il tentativo promesso ora dal gruppo configura un impegno sicuramente nuovo e, almeno teoricamente, degno di nota. L’annuncio concerne infatti una re-notifica ad ognuno dei 20 milioni di utenti in possesso di applicativi 180Solutions dello stato di installazione del software. La notifica proporrà agli utenti tre tipi di informazione:

  • Lo stato di installazione del programma sul desktop;
  • avendo in dote tale programma, viene comunicato che quotidianamente verranno visualizzate 2/3 promozioni;
  • vengono riportate le istruzioni utili ad una corretta disinstallazione del software in caso di dissenso

Il gruppo sottolinea inoltre il proprio impegno nella battaglia agli spyware ricordando il proprio appoggio alle leggi H.R.29 e H.R.744 con cui il governo USA ha dato un giro di vite alla sfida contro il malware. Se in passato le buone intenzioni rappresentate dal recente Media Metrics non hanno convinto gli analisti, 180Solutions promette oggi ulteriori innovazioni anche all’interno dei propri applicativi (oltre che nella policy di informazione degli utenti), tentando di uscire radicalmente dalla categoria “spyware” che limita oltremodo il potenziale mercato del gruppo.

La parola passa ora agli anti-spyware, agli analisti del settore e, soprattutto, ai 20 milioni di utenti che dovrebbero a breve ricevere la comunicazione 180Solutions contenente le istruzioni per la disinstallazione.