QR code per la pagina originale

Longhorn, tutto performance e velocità

Un nuovo velo è stato tolto attorno alla chimera Longhorn: il sistema operativo si promette agli utenti indicando nella velocità delle proprie performance uno dei principali punti di forza: meno reboot, avvii veloci e installazione in soli 15 minuti

,

Il 27 Luglio Microsoft toglierà i primi veli su Longhorn e per alzare il livello di attenzione sull’evento iniziano a scaturire le prime anticipazioni sul prodotto. Da mesi e mesi se ne parla, ma il dibattito si è sviluppato soprattutto su annunci e passi indietro, se idee e velate promesse: poco, comunque, di concreto.

Ora Microsoft ha sfoderato l’ascia di guerra ed ha lanciato un nuovo annuncio: Longhorn sarà molto veloce. Il confronto è fatto con i sistemi operativi attuali, partendo ovviamente da Windows XP. A parlare è Amy Stephan, responsabile Microsoft, ed a riportarne l’intervento è Microsoft Watch. Questi i punti salienti dell’intervento:

  • Il lancio delle applicazioni sarà più veloce del 15% rispetto a Windows XP;
  • L’avvio del PC sarà più veloce di ben il 50% rispetto ai tempi attuali ed il ritorno da uno status di stand-by durerà non più di 2 secondi;
  • Saranno dimezzati i riavvii motivati dall’installazione di una patch;
  • Velocizzato e facilitato frasticamente il passaggio alla nuova piattaforma;
  • Sarà possibile installare Longhorn in un tempo quantificabile in circa 15 minuti.

I numeri rendono la dimensione del progetto ed aumentano conseguentemente l’attesa. La distribuzione di Luglio, però, potrebbe essere ancora molto parziale e solo con il successivo Longhorn Beta 1 (previsto in Agosto) si potranno realmente assaggiare le potenzialità del sistema operativo.

Dopo la prima Beta bisognerà attendere Novembre per poter vedere la Beta 2. A quel punto inizierà il vero conto alla rovescia, che ad oggi segna approssimativamente un -1: alla distribuzione ufficiale di Microsoft Longhorn, secondo gli annunci esemplificati e riassunti nella roadmap tracciata da Paul Thurrott, manca infatti ancora ben un anno.