QR code per la pagina originale

Google accelera e la concorrenza perde terreno

Google aumenta la propria fetta di mercato nel settore della ricerca e registra la propria crescita a scapito di tutta la concorrenza: in calo infatti sia Yahoo che MSN Search, con solo Ask Jeeves che riesce ad andare in terreno positivo

,

Non solo la concorrenza non riesce a tener testa a Google in quanto al segmento ricerca, ma il leader dei motori sembra accelerare il passo aumentando il gap che divide i numeri registrati rispetto a Yahoo. Completa il quadro MSN Search, in sensibile calo dopo l’exploit di crescita dei primi mesi, e l’accoppiata AOL/Ask Jeeves: fermo restando la crescita del numero uno, per gli altri trattasi di una suddivisione in equilibrio dinamico di una fetta di mercato che si fa ogni anno sempre più risicata.

I dati sono frutto delle rilevazioni comScore Media Metrix (comScore Networks) e si riferiscono alle abitudini della popolazione statunitense. In generale le ricerche sul web sono aumentate del 9%, raggiungendo quota 5.15 miliardi solo nel corso dello scorso Novembre. Parlando di ricerche, anche se la correlazione non è diretta, è possibile parlare anche di suddivisione di mercato in quanto maggior numero di ricerche significa maggior numero di click potenziali e quindi maggiori introiti. Alla luce di questa considerazione sono rilevanti i dati che vedono per Google 2.05 miliardi di ricerche (39.8%) contro gli 1.52 miliardi di Yahoo (29.5%). Microsoft occupa la terza posizione con il 14.2% (728.8 milioni di ricerche registrate).

L’aspetto più interessante è però la differenza rispetto ai dati di 12 mesi prima: nel Novembre del 2004, infatti, Google era al 34.6% (è dunque cresciuto di oltre 5 punti percentuali) mentre la concorrenza è retrocessa di 2.5 punti con Yahoo (32% nel 2004) e di quasi 2 punti con MSN Search (al 16% un anno prima). Scende anche AOL, in quarta posizione, mentre Ask Jeeves (proprietà IAC e pronto a cambiare icona abbandonando il vecchio maggiordomo) è l’unico motore di rincalzo che riesce a vedere il segno “più” nel proprio trend annuale.