QR code per la pagina originale

Windows Live Search, riparte la rincorsa Microsoft

Microsoft riparte da Windows Live Search nel tentativo di diminuire il gap tecnico che separa il gruppo dai principali motori di ricerca Google e Yahoo. Il nuovo servizio permetterà ai searcher di migliorare la gestione delle ricerche e delle informazioni

,

Poche ore fa la promessa: entro sei mesi recupereremo il gap che ci divide da Google. Poco dopo la smentita: il recupero sarà solo sul piano qualitativo e sei mesi sono una indicazione eccessivamente ottimistica. Oggi, quando il gap da Yahoo! è considerato chiuso dai responsabili MSN, il primo passo verso la vera rincorsa alla leadership: Microsoft annuncia il nuovo Windows Live Search, un motore che si distingue dal brand MSN (dedicato in futuro primariamente ai contenuti) ed entra appieno nel regime produttivo della serie Live.

L’homepage attuale del servizio (http://search.live.com/) presenta un modulo di ricerca, una pagina dalla grafica decisamente spartana e pulita e caricamento dei contenuti tramite tecnologia Ajax. Microsoft ha lasciato intendere come il servizio sia in fase beta e lo sarà per tempo ancora, ma una volta a regime (le prime proiezioni indicano il periodo estivo come ipotesi più probabile) sostituirà l’attuale MSN Search estendendo a tutto il web le proprie capacità di ricerca.

Microsoft si pone come obiettivo non soltanto quello del consolidamento delle performance di ricerca, ma anche e soprattutto quello della migliorata gestione delle informazioni e dell’uso ottimizzato dell’interfaccia. Yusuf Medhi, responsabile MSN, ha spiegato che il gruppo intende ottenere qualcosa di più di una normale piattaforma di ricerca, ed è in questo contesto che vanno dunque interpretati il Live Search e le sue funzionalità. Nel sottolineare i dati Nielsen//NetRatings che vedono MSN Search ampiamente indietro nelle statistiche relative al mercato dei motori di ricerca, Reuters spiega che «le nuove funzioni evidenziate in Windows Live Search consentono agli utenti di evidenziare tutti i risultati di ricerca in una pagina senza spostarsi da pagina a pagina o di organizzare le informazioni da ogni ricerca attraverso una barra».

Tra le novità è interessante l’introduzione di una modalità “macro” della ricerca, utile a predisporre ricerche con caratteristiche determinate e utili a designare il profilo di propri motori verticali personalizzati.