QR code per la pagina originale

Picasa Web, il Flickr di Google è in arrivo

Un link comparso sulla homepage del sito Picasa (e poi scomparso) indirizza gli utenti ad una pagina inesistente ma che lascia intravedere l'esistenza di Picasa Web, ovvero la versione online del software Google, ovvero un diretto concorrente di Flickr

,

Il solito “presunto” errore, la solita nota da parte di un blogger, il solito clamore per un qualcosa di solo intravisto: Google potrebbe presto rilasciare Picasa Web Album, ovvero la versione online del software Picasa per l’archiviazione, la consultazione e l’ordinamento delle proprie immagini. Per queste sue caratteristiche il servizio verrebbe a contrastare direttamente l’omologo Flickr, nato autonomamente come servizio rivoluzionario e quindi inglobato tramite acquisizione nell’orbita di Yahoo.

L’errore presunto è relativo alla pubblicazione di un link malandrino sulla homepage del sito di Picasa. Il link segnala come novità la disponibilità di “Picasa Web Album” ma il collegamento porta ad una pagina inesistente: tipica di Google, tale situazione è successa anche poche ore prima del recente lancio di Google Spreadsheet ed in altri ulteriori casi precedenti. Il link in esame, nel contempo è scomparso: ne è rimasta traccia esclusivamente sugli screenshot comparsi online:

Link sulla homepage del sito Picasa (By Blogoscoped)

Link sulla homepage del sito Picasa

L’ipotesi di un Picasa Web è in ogni caso, rumor a prescindere, tutt’altro che remota, il che avvalora la possibilità di vedere presto online una prima versione beta del servizio. Flickr è uno dei frutti meglio maturati nel contesto del web 2.0 ed è nelle mani della concorrenza; Picasa è uno dei software più gradevoli usciti dalle officine Google (anche in questo caso frutto di una precedente acquisizione) ed è parte integrante di Google Pack: la convergenza delle due cose in un progetto concorrenziale è quasi ovvia. Da breve, inoltre, Google ha reso disponibile una versione Linux del software: un modo per seguire l’indirizzo multipiattaforma da sempre seguito, ma un modo altresì di estendere la base degli utenti potenzialmente interessati alla condivisione online delle immagini.