QR code per la pagina originale

Windows Live Messenger, è arrivato il grande giorno

Windows Live Messenger è meno beta e più Skype: la versione ufficiale è stata distribuita e una delle novità più importanti è l'introduzione del VoIP tra le caratteristiche dell'instant messenger. Presto l'integrazione con la rete di Yahoo Messenger

,

Windows Live Messenger, è arrivato il grande giorno: il software di comunicazione istantanea perde ufficialmente lo status di “beta” e presenta al pubblico le grandi novità che prospetta per la propria utenza. Il software è disponibile sul sito messenger.live.com, ove sono a disposizione anche le caratteristiche generali ed i requisiti di sistema necessari. Il pacchetto di installazione da scaricare ha un peso complessivo di 14.7Mb.

Videochiamata con Windows Live Messenger

Videochiamata con Windows Live Messenger

Una sigla emerge dal mucchio: VoIP. Windows Live Messenger permetterà infatti di chiamare la propria buddy list effettuando chiamate vocali e videochiamate, il tutto a titolo gratuito sul web e con una piccola spesa se la chiamata viene inoltrata a telefoni fissi o mobili. WLM si presenta dunque come un importante rivale di Skype facendo leva su una partnership commerciale con Verizon (il provider che gestirà le chiamate). Il costo delle chiamate è allineato alle tradizionali tariffe VoIP e sono disponibili apposite LifeCam ed appositi telefoni wireless per fruire al meglio delle opportunità del software.

Tra le altre funzionalità di Windows Live Messenger si segnalano la cartella di condivisione, con cui è possibile sincronizzare uno spazio comune ove scambiare file con i propri contatti, e la completa integrazione con gli altri prodotti della famiglia Live (Windows Live Search, Windows Live Local, Windows Live Mail, MSN Spaces). Un aspetto molto importante è segnalato fin dalla homepage dedicata: «presto potrai utilizzare Windows Live Messenger per parlare con i tuoi amici che utilizzano Yahoo! Messenger with Voice. La rete di messaggistica istantanea più grande del mondo diventa ancora più grande»: anche in questo caso la competizione tra Microsoft e Yahoo diventa “coopetition” con una comunanza di interessi che si spinge oltre la chiusura tra i sistemi di instant messenger e permette ad entrambi i network di comunicare con gli utenti utilizzanti il sistema concorrente. Yahoo, in perfetta sintonia con Microsoft, ha rilasciato la nuova beta del proprio instant messenger “with Voice” e l’upgrade di entrambi garantisce l’integrazione per chi ne fosse interessato.

Windows Live Contact è un’altra delle funzioni degne di nota in quanto permette di tenere aggiornata la propria rubrica per una migliore gestione della propria lista dei contatti. Windows Live Alerts, inoltre, segnala una vasta serie di notizie tramite notifiche da pop-up. L’unico problema di una certa importanza finora emerso dai feedback è una certa incompatibilità con Internet Explorer 7 beta 2.

Le premesse, IE7 a parte, sono ottime. Microsoft introduce il VoIP tra i propri servizi e soprattutto con Windows Live Messenger crea un importante ombelico attorno al quale far gravitare tutta l’offerta posizionata sotto il brand “Live”. Il passaggio alla nuova versione e l’estensione della rete a Yahoo offrirà una nuova importante fonte di introito a Microsoft, aspetto particolarmente importante nel momento in cui il pacchetto azionario vive di promesse e fatica a convincere Wall Street ad alzare la quotazione dai minimi storici raggiunti nelle scorse settimane. L’opinione degli analisti, comunque, sembra essere condivisa e concorde con le teorie di Steve Ballmer: l’epoca della semina non è ancora terminata, ma il momento della raccolta non è più troppo lontano. In giornata il titolo Microsoft consolida la crescita delle 24 ore precedenti (+2%) con un risultato in controtendenza (+0.44%) rispetto ad un Nasdaq in campo negativo.