QR code per la pagina originale

iPod, l’anti-DRM di DVD Jon in regolare licenza

DVD Jon diventa grande e, dopo aver raggiunto la notorietà aggirando le protezioni di DVD e musica online, propone le proprie tecnologie in licenza a quanti intendono aggirare i vincoli Apple sull'iPod per approfittare del player leader del mercato

,

Nei giorni in cui l’iPod festeggia i suoi primi 5 anni di vita, DVD Jon ha preparato un regalo davvero speciale per il player della Apple: Jon Lech Johansen, infatti, ha aperto le porte della propria DoubleTwist Ventures a quanti hanno intenzione di aggirare il Digital Right Management di Cupertino. Nulla cambia rispetto al passato, in verità, se non che ora DVD Jon vuol fare le cose sul serio: niente più tool gratuiti, ma regolare licenza da acquistare per poter accedere ai tool anti-DRM.

Più volte DVD Jon ha già dimostrato di saper aggirare le protezioni imposte da Apple ai propri brani ed alla musica riprodotta sul proprio player. Il sistema Apple è infatti chiuso: i brani venduti sul music store iTunes possono essere riprodotti solo sull’iPod e nel contempo l’iPod non riproduce musica con altri DRM alternativi al formato proprietario Apple. DVD Jon ha manifestato da sempre particolare antipatia per questo tipo di approccio: il principio portato avanti era ed è quello della libertà d’uso dei brani acquistati. L’utente, insomma, deve essere libero di poter fruire della propria musica ovunque egli creda, senza restrizioni di sorta da parte di modelli proprietari.

Quella che prima era una battaglia di principio combattuta con armi amatoriali ora diventa un impegno professionale che DVD Jon intende portare avanti per aprire il mondo Apple a chiunque ne possa essere interessato (player rivali, gruppi musicali, eccetera). I primi clienti sarebbero già stati assoldati ed altri starebbero bussando alla porta. «Quel che facciamo», ha spiegato a Reuters la responsabile DoubleTwist Monique Farantzos, «è semplicemente il reverse-engineer del FairPlay».

Monique Farantzos lascia dunque intendere come l’attività sia alternativa ma tutta completamente legale, tutta farina del sacco di DVD Jon e delle sue ricerche attorno al DRM che domina oggi il mercato della musica online. Da Apple non giunge al momento nessun commento in proposito e ad oggi l’unico modo per arginare i tool di DVD Jon è sempre stato solo e semplicemente il rilascio di un nuovo iTunes e di un nuovo DRM, perpetrando l’inseguimento all’infinito.