QR code per la pagina originale

Microsoft incentiva l’uso di Live Search

Nel tentativo di migliorare la sua posizione nel mercato dei motori di ricerca, Microsoft offre incentivi finanziari alle società che stimolano i propri dipendenti all'uso degli strumenti di ricerca Live Search

,

Microsoft fornirà appositi crediti per l’acquisto di propri prodotti alle aziende che adotteranno gli strumenti di ricerca Live Search. Secondo quanto previsto in questo progetto, ogni singolo computer orientato sulla ricerca con strumenti Microsoft potrà rendere da 2 a 10 dollari all’anno all’azienda (più una quota bonus di entrata), il che potrebbe significare per un grande gruppo un credito complessivo ben oltre i 100.000 dollari.

A dispetto dei pesanti investimenti effettuati negli ultimi anni, Microsoft non è mai riuscita ad avvicinarsi al successo ottenuto da Google; quest’ultimo infatti ha assommato nel Gennaio del 2007 il 47,5 percento del totale delle ricerche negli Stati Uniti, mentre Live Search solo il 10,6%. Proprio in questi giorni Microsoft e Lenovo hanno annunciato un accordo per includere i servizi Live nei nuovi PC prodotti dal gruppo nipponico, sostituendo così l’attuale Google Toolbar.

Le indicazioni distribuite (by John Battelle)

Le indicazioni distribuite

Il commento di John Battelle in proposito è possibilista: l’idea è buona, ma potrebbe determinare anche alcuni pericoli dovuti principalmente al modo in cui potrebbe essere avvertita la forzatura richiesta da Microsoft. I computer aziendali potranno aderire al progetto secondo modalità “low”, “moderate” e “high”. I profili maggiori determinano la rimozione di toolbar rivali, l’uso di comunicazioni interne per favorire l’uso degli strumenti Microsoft e l’adozione di Live Search come pagina predefinita del proprio browser (ovviamente Internet Explorer 7).