QR code per la pagina originale

YouTube, i numeri dei video sotto copyright

Secondo uno studio Vidmeter.com i video che girano su YouTube e contengono materiale protetto da diritto d'autore attraggono solo il 6% delle visite del popolare sito. La statistica demonizza dunque le accuse Viacom, da cui giunge pronta replica

,

Quanto guadagna YouTube in termini di visitatori dalla pubblicazione di video protetti da diritto d’autore? Il 6%. È uno studio effettuato da Vidmeter.com a provare come in realtà la violazione della legge sul diritto d’autore frutti a Google solo una percentuale irrisoria delle visite astronomiche che ogni giorno arrivano sulle pagine del neoacquisito YouTube.

I risultati sono stati subito contestati dai detrattori del gruppo, i quali in questo momento si stanno rivolgendo a YouTube per via legale per ottenere un risarcimento e un cambiamento nella sua politica di controllo: il nome principale è in questo caso Viacom (gigante proprietario tra gli altri anche del network MTV), la cui causa da un miliardo di dollari è stata intentata contro la controllante Google per come consente la pubblicazione online di materiale protetto.

Il problema contestato alla ricerca sarebbe nel fatto che Vidmeter.com avrebbe tenuto in considerazione unicamente i video protetti da diritto d’autore rimossi, senza contare quindi tutto l’insieme di video per i quali non è stata richiesta la rimozione benchè contengano materiale protetto.

Secondo quanto rilevato, tra i 6725 video più popolari di YouTube solo 621 sarebbero stati rimossi per problemi di copyright (il 9% circa quindi). Questi ultimi sono divisi soprattutto tra Viacom (40%), Warner (22%) ed NBC (7%). In riferimento a simili valutazione Viacom non manca di precisare: «YouTube è strutturato in un modo che rende impossibile per i detentori dei legittimi diritti d’autore trovare tutto il materiale che riproduce i contenuti di loro proprietà, così anche un grosso avviso di take down (come quello spedito da Viacom ndr) non sarà in grado di segnalare gran parte del materiale da rimuovere» per aggiungere infine: «anche con questi vistosi difetti lo studio archivia il fatto che Google sostenga di non sapere nulla riguardo la quotidiana violazione di diritto d’autore che avviene su YouTube».