Dopo l’X2, anche l’Opteron raggiunge i 3Ghz

L’americana AMD ha presentato ieri due nuovi modelli di processore Opteron operanti ad una frequenza di 3Ghz, destinati ai settori workstation e server. I due modelli, Opteron 2222SE e Opteron 8222SE sono identici a eccezione del fatto che il primo è progettato per sistemi dual-processor, mentre il secondo è concepito per sistemi a 4 e

L’americana AMD ha presentato ieri due nuovi modelli di processore Opteron operanti ad una frequenza di 3Ghz, destinati ai settori workstation e server.

I due modelli, Opteron 2222SE e Opteron 8222SE sono identici a eccezione del fatto che il primo è progettato per sistemi dual-processor, mentre il secondo è concepito per sistemi a 4 e 8 vie.

Si tratta di chip dual core, prodotti a 90nm, nei quali è stato implementato 1MB di memoria cache L2 per ciasun core. Il loro utilizzo è possibile solo in sistemi che adottano memorie DDR2 e il recente Socket F a 1207 pin.

In attesa della produzione a 65 nanometri delle CPU Barcelona, basate su una nuova architettura logica, AMD introdurrà durante il quarto trimestre di quest’anno una versione dell’Opteron x222 SE funzionante alla frequenza di 3.2Ghz, che si differenzierà dal modello attuale esclusivamente per l’inceremento della velocità di clock.

Per quanto concerne consumi e costi, ci si aspetta che il TDP dei nuovi Opteron si aggiri attorno ai 120 Watt, come consueto per i modelli SE, mentre il prezzo non è ancora stato reso ufficiale.

Ti potrebbe interessare
Buffalo presenta l’SSD esterno con interfaccia USB 3.0
buffalo usb

Buffalo presenta l’SSD esterno con interfaccia USB 3.0

Buffalo presenta una nuova serie di unità di storage esterne che presenta due novità: la prima è rappresentata dalla presenza di un disco a stato solido (SSD), la seconda dalla presenza dell’USB 3.0 come interfaccia di trasferimento dei dati. La nuova serie approderà sul mercato con il nome SHD-PEHU3.

Google pizzicato a copiare
Software e App

Google pizzicato a copiare

Colto con le mani nel sacco il motore di ricerca numero uno al mondo ha dovuto ammettere di essersi basato su software di terze parti per lo sviluppo del suo traduttore per la lingua cinese. Ora il software è stato cambiato ma si parla di risarcimenti