QR code per la pagina originale

Palm svilupperà il proprio SO basato su Linux

Palm svilupperà entro la fine dell'anno prodotti basati su piattaforma Linux. Tale decisione permetterà di migliorare la performance e le prestazioni delle future produzioni allineandoli alle attuali esigenze.

,

Palm si appresta ad utilizzare Linux per realizzare la prossima versione del Palm OS rivolto a smartphone e palmari. La notizia è stata data dal CEO di Palm Ed Colligan durante una conferenza tenutasi ieri a New York.

Il nuovo sistema operativo non possiede ancora un nome e viene indicato per ora semplicemente come “Palm OS on Linux” e permetterà di far girare il sistema operativo Palm sopra un kernel Linux sostituendo Garnet, l’attuale Palm OS 5, pur restando compatibile con le attuali applicazioni. Colligan ha evidenziato come la realizzazione di una piattaforma Linux non sia una idea recente ma già in sviluppo «da un certo numero di anni».

«Noi pensiamo sia cruciale possedere una nostra piattaforma e alcune delle nostre tecnologie chiave», ha dichiarato Colligan durante la conferenza, «abbiamo un software di sistema che rilasceremo prima della fine dell’anno e che ci permetterà di far compiere al Palm OS un passo avanti e renderlo più moderno». Il nuovo sistema offrirà infatti funzioni al passo con i tempi in grado di facilitare la realizzazione di servizi Voice Over Ip, di gestire il traffico di dati e voce in contemporanea, di fornire il supporto per applicazioni online e garantire prestazioni generali migliori. Tale passaggio, sostiene Colligan, consentirà inoltre costi più bassi e ridurrà i tempi per immettere i prodotti sul mercato.

Palm non abbandonerà comunque Windows Mobile OS e continuerà ad offrire prodotti basati su tale sistema operativo anche dopo il lancio del Palm OS basato su Linux. Il nuovo OS sarà probabilmente presentato entro la fine del 2007.

Video:AirSim, un simulatore per droni