Nuovi drivers anche da ATI: Catalyst 7.4

Ad appena un giorno di distanza dall’uscita dei Forceware 158.x per le nuove schede nVidia, ATI risponde con la sua Catalyst Software Suite 7.4.Premesso che questo rilascio non può rappresentare una vera e propria risposta a quelli di nVidia, in quanto questi ultimi, a differenza dei primi limitati dall’hardware, sono compatibili Direct-X 10, notiamo che

Ad appena un giorno di distanza dall’uscita dei Forceware 158.x per le nuove schede nVidia, ATI risponde con la sua Catalyst Software Suite 7.4.

Premesso che questo rilascio non può rappresentare una vera e propria risposta a quelli di nVidia, in quanto questi ultimi, a differenza dei primi limitati dall’hardware, sono compatibili Direct-X 10, notiamo che una delle principali novità è, proprio come anche sui Forceware, l’aumento delle prestazioni dal 15 al 30% su Windows Vista, ma solo in ambiente OpenGL… sarà che ATI con ciò ha voluto tamponare le carenze sul profilo Direct-X?

Il motivo della grossa attesa per l’uscita di questi driver, però, più che da inaspettate migliorie prestazionali, è rappresentato dalla risoluzione di numerosi problemi che si presentavano con la vecchia versione su Windows Vista.

La suite è composta precisamente da:

  • Radeon display driver 8.36
  • Multimedia Center 9.16
  • HydraVision
  • HydraVision Basic Edition
  • Remote Wonder 3.04
  • WDM Driver Install Bundle
  • Southbridge/IXP Driver
  • Catalyst Control Center Version 7.4

Un punto di merito però va dato ad ATI per il rilascio, in contemporanea, anche di una versione dei Catalyst per Linux, giunti alla versione 8.36.5. Il pacchetto, da ben 50.8mb, include una versione aggiornata del Catalyst Control Center, di recente importato su Linux, che risolve un unico bug presentatosi nel passaggio da X alla console e offre il pieno supporto anche al recente Kernel 2.6.20.

Un’altra lancia va spezzata a favore di ATI per la pubblicizzazione, con il rilascio di questi driver, dell’iniziativa [email protected] progetto con il quale, tramite l’installazione di un software, il vostro PC nei momenti di inattività lavorerà, insieme a tutti gli altri PC del mondo su cui è installato, al calcolo distribuito per lo studio degli avvolgimenti, delle dissociazioni e aggregazioni delle proteine e delle loro relative incidenze sulle malattie, un interessante progetto che mira alla cura di brutte malattie quali il Morbo di Alzheimer, il Morbo di Huntington, Cancro, Osteogenesis imperfecta e Morbo di Parkinson.

Per chi invece è interessato ai driver:

Va precisato che i Catalyst 7.4, benché presentati come driver per le schede Radeon serie x1xxx, non offrono supporto per la x1600 con HDMI.

Ti potrebbe interessare
PlayStation Network e PS Store: tutti i servizi nel weekend
playstation sony

PlayStation Network e PS Store: tutti i servizi nel weekend

Tutti i servizi del PlayStation Network verranno ripristinati entro questo fine settimana. Lo ha annunciato Sony attraverso un comunicato stampa, spiegando la fine della fase di manutenzione del PSN e di Qriocity nei territori americani, europei e asiatici, esclusi Giappone, Hong Kong e Corea del Sud. Tornerà online anche il PlayStation Store.

Tenere traccia delle informazioni personali con IP Info
Imaging

Tenere traccia delle informazioni personali con IP Info

IP Info è un servizio che consente di verificare alcune delle informazioni che ognuno di noi lascia dietro di sé durante le fasi di navigazione sul Web, come il proprio indirizzo IP, il browser utilizzato, il linguaggio preferito e molto altro ancora. Utile per capire la diffusione dei propri dati personali in Rete.

Nokia Money, dal 2010 si pagherà tutto con il cellulare?
Google

Nokia Money, dal 2010 si pagherà tutto con il cellulare?

Sulla falsa riga di ciò che già avviene in India, dove le banche sono poco raggiungibili, e utilizzando una piattaforma già esistente acquisita da Opobay, Nokia ha deciso di sviluppare un servizio, Nokia Money, che permette di trasferire denaro via cellulare.Mentre per l’India e per i paesi in via di sviluppo il servizio è finalizzato

La fine degli SMS gratis?
Business

La fine degli SMS gratis?

Un accordo di interconnessione fra i grandi gestori di telefonia potrebbe decretare la fine degli SMS gratuiti via Internet. Ma c’è già chi si ribella, con un’iniziativa un po’ paradossale.