Pulire il Macbook Pro

Bello, satinato, una scheggia. Ma poi? Il Macbook Pro che mi accompagna da Dicembre mostra i segni dell’usura nel poggia polsi, sul tasto del trackpad, sui tasti. Cosi scatta la ricerca: usa un polish, no l’acetone. Ma sei pazzo? Lascia l’acetone, usa la gomma speciale per cancellare. Ascoltami solo l’alcool ci può. Ok, è fatto

Bello, satinato, una scheggia. Ma poi? Il Macbook Pro che mi accompagna da Dicembre mostra i segni dell’usura nel poggia polsi, sul tasto del trackpad, sui tasti. Cosi scatta la ricerca: usa un polish, no l’acetone. Ma sei pazzo? Lascia l’acetone, usa la gomma speciale per cancellare. Ascoltami solo l’alcool ci può. Ok, è fatto in alluminio, quindi devi usare acqua calda e bicarbonato.

Insomma ero davvero confuso, finché vidi la luce: andare in gioielleria. Si sono andato in gioielleria con il Macbook pro (ora qualcuno penserà che sono pazzo).

Sono entrato in una delle gioiellerie più cool della mia città e con una faccia degna di un muro ho chiesto: «Salve, scusi se disturbo, ma ho dei gioielli con parti in alluminio e vorrei sapere come pulirli». Il commesso chiama il capo, che avrà avuto circa 200 anni, il quale mi guarda come si guarda una moneta da tre euro e mi dice: «venga con me».

Nel suo retrobottega ho imparato che:

  1. si usa un solo olio, quello di gomito
  2. un panno di pelle
  3. per i casi disperati, come il mio, non usando acqua, e avendo paura dei solventi, una gomma detta gomma pane che trovi in ogni cancelleria. Piccole strofinate, panno di pelle, piccole strofinate panno di pelle.

Finora non ho avuto il coraggio, voi che cosa suggerite?

Ti potrebbe interessare