QR code per la pagina originale

Vivendi ha nel mirino MySpace e YouTube

Il colosso multimediale francese Vivendi ha deciso di mettere a punto per l'autunno un portale per la fornitura di contenuti a pagamento che sia in grado di rivaleggiare con i siti più importanti del settore. Già partorita la Vivendi Mobile Entertainment

,

Vivendi, a capo di una delle grandi major dell’industria musicale, la Universal, ha deciso di entrare direttamente nel mondo della rete con un portale multifunzione e sociale, qualcosa che possa fare concorrenza sia a MySpace che a YouTube.

La notizia arriva dal giornale francese Les Echos, che riporta come la multinazionale con sede a Parigi sia fermamente intenzionata ad allargare i suoi interessi anche alle comunicazioni in rete nonostante il flop di Vizzavi che cinque anni fa costrinse l’azienda a vendere tutto a Vodafone. Ad oggi però il colosso potrebbe contare su un target nuovo e più interessato, su una rete popolata da utenti differenti, con passioni differenti e che cercano contenuti differenti.

Per mettere a punto il nuovo sistema Vivendi ha attrezzato un suo distaccamento chiamato Vivendi Mobile Entertainment e ha annunciato che dopo le prime sperimentazioni intorno a Ottobre, limitate alla sola Francia, il portale aprirà anche nel resto d’Europa. A quanto sembra di capire dalle prime poche informazioni disponibili la specificità della nuova impresa Vivendi dovrebbe essere tutta centrata nella fornitura di un servizio a pagamento che sia cross-platform, capace quindi di essere recapitato sia su pc che su cellulare che, ancora, su tv via cavo. Il tutto è facilitato dal fatto che sono di proprietà Vivendi anche l’operatore mobile SFR e la televisione via cavo Canal+ (che costituiscono in totale un bacino di ben 28 milioni di sottoscrittori).