QR code per la pagina originale

AppTrap: l’uninstaller che manca ad OSX

,

Pensate a quanto è semplice installare nuovi programmi in Mac OS X: basta prendere l’icona e trascinarla sulla cartella Applicazioni (o nella posizione che più si preferisce), punto!

Teoricamente anche disinstallare le applicazioni è altrettanto semplice: dovrebbe bastare il drag&drop dell’icona sul cestino. Uso il condizionale perché questa operazione non permette (come sappiamo) di rimuovere tutti i file associati (come i file delle preferenze), quindi dà luogo ad una rimozione incompleta.

Esistono sicuramente applicazioni che già fanno queste operazioni (uno su tutti, AppZapper) ma il programma che vado a presentarvi gode della semplicità ed immediatezza d’uso del nostro sistema operativo. AppTrap si installa come un pannello di Preferenze di Sistema e fa un’unica e semplice cosa: quando un’applicazione viene trascinata sul cestino, fa comparire una finestra di dialogo che chiede se vogliamo cancellare anche i file di sistema associati.

Dunque un’ottima utility e per nulla invasiva: non vedremo mai altro se non il pop-up di dialogo, niente fronzoli!

I problemi noti del programma sono il fatto che, per progetto, opera solo nell’account attivo, inoltre non può disinstallare se stesso (ovviamente) e, infine, propone di cancellare i file associati anche in occasione di update automatico di un’applicazione.

Last, but not least: il programma è freeware. Può essere scaricato direttamente dal sito del produttore.