QR code per la pagina originale

Riepilogo bug in iPhone

,

iPhone è un prodotto estremamente innovativo: è il primo cellulare di Apple (in realtà è uno smartphone), ma è anche un dispositivo di concezione rivoluzionaria.

Le tecnologie che integra sono infatti all’avanguardia, ma anche l’interfaccia (basata sul multi-touch) pur rispettando lo stile del MacOS, è assolutamente inedita sia nella sua concezione sia nella struttura del software.

Il sistema operativo del telefono è una versione nettamente modificata de MacOSX e questo, pur portando notevoli vantaggi, crea anche qualche problema.

Il mercato sta dimostrando di apprezzare in modo incredibile questo dispositivo, ma c’è un’ombra che sta rovinando il successo dello smartphone/iPod di Apple.

Poco dopo il lancio di iPhone, infatti, sono arrivate delle notizie sulla sua vulnerabilità software.

Il primo bug permetteva a un malintenzionato di creare una pagina web in grado di costringere iPhone a chiamare (e richiamare) un numero diverso da quello visualizzato.

Poi è emerso un altro bug, legato al precedente ma forse ancora più grave nelle conseguenze. Indipendent Security Evaluators ha scoperto come scrivere un codice e inviarlo agli iPhone connessi a una rete per accedere ai loro dati e prenderne completamente possesso.

Un iPhone, dopo aver ricevuto questo codice, diventa completamente disponibile in remoto.

A questo punto un malintenzionato potrebbe accedere a qualsiasi tipo di informazione, accedere ai dati della rubrica, ai messaggi sms e addirittura telefonare senza che l’utente se ne accorga.

Il codice in questione è stato scritto proprio da Indipendent Security Evaluators in una settimana.

Lo scopo di questa iniziativa è di tenere alta l’attenzione sulla sicurezza di un cellulare così complesso e aiutare Apple a renderlo sempre più sicuro.

Apple è stata infatti contattata immediatamente e sta sicuramente già lavorando ad una patch che risolverà il problema, probabilmente facendo anche altre correzioni.

Le cose da sistemare, infatti, sono diverse e molte sono le funzioni che probabilmente verranno aggiunte nei prossimi mesi.