QR code per la pagina originale

Microsoft, un sito dedicato all’open source

Microsoft ha aperto una nuova sezione del suo portale per fornire accesso a tutte le risorse e le iniziative elaborate sul tema open source, il tutto nel nome di una felice coesistenza tra le risorse messe a disposizione dai due opposti mondi informatici

,

L’annuncio è avvenuto nel corso di una keynote tenuta da Bill Hilf (general manager platform strategy di Microsoft) all’interno dell’OSCON 2007, la convention annuale dedicata al mondo dell’open source: Microsoft ha aperto una nuova sezione del suo sito internazionale con l’intenzione di costituire un portale d’ingresso per ottenere informazioni sulle iniziative elaborate dall’azienda sul tema dell’open source.

Open Source at Microsoft

Open Source at Microsoft

Open Source at Microsoft” rappresenta una visione eterogenea del mondo della tecnologia da parte della società di Redmond, dove gli sviluppatori, gli utenti e gli imprenditori possono utilizzare gli strumenti a loro più congeniali per il proprio lavoro: al giorno d’oggi sono molti infatti gli sviluppatori ad aver realizzato ad esempio prodotti open source utilizzando tecnologie Microsoft messe a disposizione su Sourceforge.net e Codeplex.com. Microsoft tende quindi la mano a coloro i quali desiderano orientarsi al meglio tra i due mondi, che possono e devono coesistere affinchè sia possibile offrire le migliori garanzie di successo.

Il nuovo portale mette quindi a disposizione informazioni su come integrare al meglio le tecnologie open source e Microsoft attraverso articoli accademici,tecnici ed economici, e sarà costantemente aggiornato con le ultime informazioni riguardo gli interscambi avvenuti tra Microsoft e la comunità open source. Le risorse sono catalogate in base alle diverse categorie di utilizzo quali ad esempio sviluppatori, enti governativi e NGO (organizzazioni non governative).

“Open Source at Microsoft” andrà ad affiancare Port25, laboratorio di Microsoft per il software Open Source e CodePlex, sito creato con l’intento di ospitare progetti Open Source, senza però sostituirli.