Bandite le banche su Second Life

C’è grande preoccupazione per gli utenti-avatar che hanno trasformato i dollari reali in linden dollar (la valuta utilizzata su Second Life). La Linden Lab, infatti, ha deciso di cancellare una grande quantità di istituti bancari che operano nel territorio virtuale e invitato i membri della comunità a riappropriarsi del proprio denaro. Il motivo che sta

C’è grande preoccupazione per gli utenti-avatar che hanno trasformato i dollari reali in linden dollar (la valuta utilizzata su Second Life).

La Linden Lab, infatti, ha deciso di cancellare una grande quantità di istituti bancari che operano nel territorio virtuale e invitato i membri della comunità a riappropriarsi del proprio denaro.

Il motivo che sta dietro la decisione presa dai responsabili è da ricercare tra i piani di investimento fasulli, interessi gonfiati che a volte arrivavano anche al 60% su base annua e il tutto senza un meccanismo di protezione per i clienti.

Secondo quanto riportato dal comunicato ufficiale, dal 22 Gennaio del 2008, sarà proibito offrire interessi o qualsiasi altro guadagno su un investimento (indifferentemente se in dollari linden o altra moneta) senza la prova di una valida registrazione governativa o la certificazione ufficiale di un istituto finanziario.

C’è chi ipotizza che la struttura economica di Second Life sia di tipo piramidale, in cui gli unici a trarre vantaggio dal denaro messo in circolo sono i primi programmatori e i primi residenti. Si ipotizzano persino accuse di insider trading.

Insomma, la decisione di mettere al bando le banche di Second Life sembra essere accolta con favore dalla clientela del mondo virtuale sebbene ci sia il timore che questa iniziativa possa portare al pulizia anche dei capitali investiti.

Quali meccanismi di tutela saranno messi in atto? E quali punizioni verso coloro che non rispetteranno le regole?

Ti potrebbe interessare
Londra in una bolla Wifi entro il 2012
Prezzi e tariffe

Londra in una bolla Wifi entro il 2012

Boris Johnson, sindaco di Londra, torna a ripetere il proprio mantra: entro il 2012 la capitale dovrà essere coperta da una bolla Wifi grazie a router su pali della luce e fermate del bus. L’accesso sarà a pagamento per rendere sostenibile il progetto

L’UE contro la pedopornografia on-line
Prezzi e tariffe

L’UE contro la pedopornografia on-line

Cattive notizie giungono per gli “orchi del Web” dopo che a Strasburgo, il Parlamento europeo ha approvato a larghissima maggioranza un programma volto alla tutela dei minori dai tentativi di adescamento “online” effettuati dai numerosi pedofili che ci sono in Rete. L’iniziativa legislativa è portata avanti dall’italiana Roberta Angelilli che ha ottenuto in sede di

Alcatel, quando un disastro può essere meglio delle attese
trimestrali

Alcatel, quando un disastro può essere meglio delle attese

Alcatel-Lucent è una compagnia franco-statunitense dedita alla produzione di hardware e software per le telecomunicazioni. Il titolo, nei giorni passati, è sembrato sulle montagne russe, con sali e scendi improvvisi. Dati alla mano la quarta trimestrale è stata un vero disastro. Il gruppo ha annunciato a tutto il 2007 perdite per 443 milioni di euro

Domini .eu: prime pre-registrazioni a fine 2005
Web e Social

Domini .eu: prime pre-registrazioni a fine 2005

Con l’ultima approvazione della Commissione Europea, i domini .eu si avvicinano alla fase operativa. A fine anno è previsto il ‘Sunrise period’ riservato alla pre-registrazione dei marchi aziendali e istituzionali. Dal 2006 porte aperte ai privati