Pixel Qi, il rivale di OLPC a soli 75 dollari

One Laptop Per Child (OLPC) è un’organizzazione non profit creata per portare a compimento il progetto di un computer da 100 dollari. L’idea è semplice: permettere a tutti, anche ai paesi più poveri, di avere un PC. Ma OLPC vede davanti a sé un momento difficile, prima per l’abbandono da parte di Intel, poi per

One Laptop Per Child (OLPC) è un’organizzazione non profit creata per portare a compimento il progetto di un computer da 100 dollari. L’idea è semplice: permettere a tutti, anche ai paesi più poveri, di avere un PC.

Ma OLPC vede davanti a sé un momento difficile, prima per l’abbandono da parte di Intel, poi per la nascita di nuovi concorrenti.

Pixel Qi è solo l’ultimo progetto nato in questa direzione.
Diretto da Mary Lou Jepsen, che già aveva partecipato ad OLPC come chief technology officer, il progetto ha un obiettivo davvero ambizioso: riuscire a produrre un laptop al costo di soli 75 dollari.

E, nel mentre, Eee PC di Asus arriva anche nei nostri scaffali: di lui sono stati scritti fiumi di parole, e chissà se anche nel Belpaese avrà il successo avuto nel resto del mondo.

Di certo non possiamo che accogliere con piacere queste iniziative che sicuramente spingeranno i maggiori produttori a offrire nuovi subnotebook in linea con questa tendenza.

Ti potrebbe interessare
Il nuovo Palm Pre Plus in azione
Imaging

Il nuovo Palm Pre Plus in azione

Durante l’ultimo CES di Las vegas, una delle più importanti fiere sul mondo dell’elettronica, Palm ha presentato il nuovo Pre Plus, una leggera rivisitazione dell’attuale ed apprezzato Pre. Le variazioni degne di nota riguardano la memoria interna, passata da 8 a 16 GB, forse il raddoppio della RAM (dettaglio non confermato) ed il nuovo WebOS

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy Spica
Android

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy Spica

Samsung Galaxy Spica è un nuovo smartphone di fascia media dotato del sistema operativo Android. Il prodotto si caratterizza per una buona dotazione hardware, nella quale spicca il display touchscreen AMOLED. L’interfaccia grafica è quella standard del S.O. e può forse risultare poco curata, ma in compenso il dispositivo sembra davvero reattivo e privo di