Bestshore: la sfida globale dell’IT si gioca in India

Da qualche anno a questa parte, le maggiori multinazionali IT hanno investito miliardi di dollari su un nuovo modello di business, il Bestshore o per dirla all’italiana, il “miglior approdo”, ciò per assicurarsi manodopera qualificata a costi stracciati. Uffici virtuali in villaggi d’oriente altamente hightech. Parliamo dell’India, un paese che alla fine degli anni ’90

Da qualche anno a questa parte, le maggiori multinazionali IT hanno investito miliardi di dollari su un nuovo modello di business, il Bestshore o per dirla all’italiana, il “miglior approdo”, ciò per assicurarsi manodopera qualificata a costi stracciati.

Uffici virtuali in villaggi d’oriente altamente hightech. Parliamo dell’India, un paese che alla fine degli anni ’90 è diventato il polo strategico per l’industria tecnologica e che oggi vanta una crescita del 9% del GDP (il PIL nostrano) di cui ben il 40% è rappresentato dal mercato dell’IT.

Non c’è da stupirsi allora se nomi come Oracle, Sun, IBM e Microsoft, solo per citarne alcune, affidano la software factory a team di ingegneri altamente specializzati. Le risorse onshore vengono mantenute alla guida del progetto e all’interfaccia di primo livello con il cliente perché, diciamocelo, non sarebbe politically correct far sapere a tutti l’enorme divario tra quanto mi costa e quanto vendo un progetto!

Gli ingredienti per un business con i fiocchi ci sono tutti: condizioni di lavoro a basso costo, fusi orari che facilitano il lavoro 24 hours, realizzazione di economie di scala attraverso la distribuzione globale, possibilità per il cliente di crearsi un portfolio sul posto.

Nei prossimi dodici mesi, stando alle previsioni di Gartner, gli investimenti delle aziende europee in questa direzione cresceranno del 60%, quelli delle multinazionali statunitensi del 40%.

Tempi duri, dunque, per le nostre risorse che assistono impotenti alla svalutazione del loro lavoro e alla crescente difficoltà nel trovarlo. Il settore dell’IT è oramai da anni caratterizzato dal fenomeno del calo delle tariffe professionali e le componenti di mercato che sono maggiormente penalizzate sono rappresentate da outsourcing, systems integration e consulenza.

Ti potrebbe interessare
YouTube: Google batte Viacom, che però annuncia il ricorso
Web e Social

YouTube: Google batte Viacom, che però annuncia il ricorso

Google – Viacom: 1 a 0 e palla al centro. Si può riassumere così, usando un linguaggio prettamente calcistico tanto in voga in questi giorni in cui si stanno svolgendo i Mondiali FIFA, la vicenda che vede di fronte, in un’aula di tribunale, due protagonisti quali i già citati Google e Viacom. Motivo del contendere

La soglia di redditività per l’IPTV è di 2,5 milioni di clienti
Prezzi e tariffe

La soglia di redditività per l’IPTV è di 2,5 milioni di clienti

Secondo uno studio di Goldmedia, che ha osservato la situazione della piattaforma IPTV in Svizzera, Germania e Austria, la soglia minima di redditività per i provider che offrono servizi televisivi tramite Internet si raggiunge con almeno 2,5 milioni di clienti. In altre parole, considerando il costo delle infrastrutture della piattaforma, i costi di gestione e

Il comando ipconfig/all
Prezzi e tariffe

Il comando ipconfig/all

Dopo aver visto quali sono le informazioni messe a disposizione dal comando “ipconfig“, in questo post impariamo a conoscere l’opzione “/all” del comando. Come per l’altro post, farò riferimento alle configurazioni presenti sul mio PC nel momento in cui sto scrivendo: il mio PC è connesso a una rete senza fili alla quale è collegato

Microsoft usa software craccato: ecco le prove
Software e App

Microsoft usa software craccato: ecco le prove

Microsoft sarebbe caduta in una pericolosa trappola: alcuni file interni a Windows XP sarebbero stati prodotti usando software Sony craccato. L’indizio (si attende un commento ufficiale in merito) emerge dall’apertura di file audio con editor esadecimale