Dal bilancio Motorola -84%

Sembra non avere fine questo periodo di crisi dell’economia internazionale. Mentre prosegue la presentazione dei bilanci di chiusura, le sedi finanziarie di tutto il mondo soffrono le paure degli investitori e le aspettative disilluse degli analisti. I titoli precipitano vorticosamente. Dopo Apple, qualche giorno fa è toccato a Motorola presentare il bilancio relativo al quarto

Sembra non avere fine questo periodo di crisi dell’economia internazionale. Mentre prosegue la presentazione dei bilanci di chiusura, le sedi finanziarie di tutto il mondo soffrono le paure degli investitori e le aspettative disilluse degli analisti. I titoli precipitano vorticosamente.

Dopo Apple, qualche giorno fa è toccato a Motorola presentare il bilancio relativo al quarto trimestre 2007. Risultato: a fine giornata il titolo chiudeva con una perdita del 18,75% al Nyse.

Spulciando il report salta subito all’occhio un utile netto di 100 milioni di dollari con una perdita degli utili di 84 punti percentuali rispetto al 2006 e un salto del ROIC (return of invested capital) dal 7 al 4 percento nei tre mesi in analisi.

Ad influenzare i pessimi dati è proprio il core business di Motorola, la divisione mobile, che nell’ultimo quarto ha perso il 38% rispetto allo stesso periodo del 2006, e 33 punti percentuali nel confronto annuo.

Queste cifre sono lo specchio di una realtà in cui Motorola si trova oramai da parecchio tempo. L’azienda statunitense è schiacciata dalla concorrenza, soprattutto nelle aree europee e asiatiche, dove la perdita di clienti è stata maggiore. Il recente lancio dell’iPhone non ha certamente contribuito a migliorare la situazione… un cambio al vertice e il lancio di nuovi modelli di telefono cellulare renderanno più competitiva la storica azienda?

Ti potrebbe interessare
Un premio da Google per l’impegno di alcuni blogger iraniani
Web e Social

Un premio da Google per l’impegno di alcuni blogger iraniani

Come è già noto da tempo, i blogger iraniani non hanno vita facile e sono costantemente nel mirino delle autorità locali per via di varie accuse, come quella di fare propaganda per provocare disordini civili, diffondere maldicenze e intimorire la gente. Ma l’impegno di moltissimi blogger è quello di raccontare in prima persona cosa accade