Un netto rifiuto per Microsoft…Yahoo! vale molto di più

È ufficiale: Yahoo! rifiuta l’OPA di 44,6 miliardi di dollari che Microsoft aveva lanciato il primo febbraio. Dieci giorni di valutazioni, riflessioni, illazioni di ogni genere per arrivare alla più scontata delle decisioni, quella di giocare al rialzo. Per il board, 31 dollari ad azione, ossia un premio del 62% rispetto alla chiusura del 31

È ufficiale: Yahoo! rifiuta l’OPA di 44,6 miliardi di dollari che Microsoft aveva lanciato il primo febbraio. Dieci giorni di valutazioni, riflessioni, illazioni di ogni genere per arrivare alla più scontata delle decisioni, quella di giocare al rialzo.

Per il board, 31 dollari ad azione, ossia un premio del 62% rispetto alla chiusura del 31 Gennaio, sottostimerebbero il valore reale della compagnia di Sunnyvale e non guarderebbero al “migliore interesse dell’azienda e degli azionisti”.

Sul comunicato ufficiale Yahoo spiega che:

l’offerta sottostima la società “in termini di brand globale, audience mondiale, recenti significativi investimenti in piattaforme commerciali e in termini di prospettive di crescita, cash flow e utili potenziali cosi come in termini di sostanziali investimenti non consolidati”.

Restano così in piedi le ipotesi di un accordo con Google, Disney, come anche quelle su un riavvio delle trattative con AOL, ipotizzato dal Times.

Stando alle indiscrezioni, riportate ieri dal Wall Street Journal, Yahoo! punterebbe ad un’offerta di circa 40 dollari per azione e starebbe seriamente valutando la possibilità di una partnership con BigG al fine di contrastare il colosso di Redmond.

Certamente il rifiuto era nell’aria e non avrà colto di sorpresa i piani alti di Redmond.

Sta di fatto che l’attesa di un rilancio ha reso bene a Yahoo! che a Wall Street guadagna quasi un punto percentuale mentre ha penalizzato Microsoft, sceso dell’1,93%.

Ti potrebbe interessare
Sblocco dei core con chipset AMD 800: questione di reputazione
amd cpu

Sblocco dei core con chipset AMD 800: questione di reputazione

I più fortunati possessori di una scheda madre con chipset AMD serie 700 possono sbloccare uno o due core nei processori Phenom II X2 e X3 grazie alla funzionalità ACC presente nel BIOS.Con l’introduzione della nuova serie 800, a partire dal chipset AMD 890GX, non è più supportato il core unlocker, anche se diversi produttori

Atari abbandona la crociata anti-P2P
Prezzi e tariffe

Atari abbandona la crociata anti-P2P

È solo di qualche settimana fa la notizia dell’azione legale intrapresa dalla Atari nei confronti di Gill e Ken Murdoch, la coppia scozzese accusata ingiustamente di aver condiviso il videogioco “Race 07” nella rete, che già la storica casa produttrice fa marcia indietro e abbandona (almeno momentaneamente) la caccia alle streghe nei confronti degli utenti

AMD Barcelona analizzati da Dell
amd dell intel

AMD Barcelona analizzati da Dell

Durante un incontro con la stampa Michael Dell, presidente e CEO di Dell, ha annunciato l’intenzione di voler continuare ad equipaggiare i propri sistemi con processori AMD, in ambito sia desktop che server/workstation.A questo proposito, Dell ha anticipato alcune indicazioni sulle prestazioni delle prossime CPU Opteron Barcelona: pare che la potenza di tali processori, nei